fbpx
GossipNews in evidenza

Sex Factor: il reality per diventare attori porno

Parte Sex Factor il reality per diventare porno attori (o porno attrici). Lo show, censurato da tutte le televisioni, andrà in onda sul sito xHamster

Censurato da tutte le televisioni arriva finalmente sul web Sex Factor, il reality-talent per diventare attore porno.

Lo show, presentato dalla pornostar americana, ma di origine giapponese, Asa Akira, durerà 10 puntate e sarà visibile online sul sito xHamster dal 19 maggio.

L’idea del programma l’ha avuta il venditore di software Buddy Ruben. Per l’agente di commercio californiano Sex Factor è uno show votato al successo perché, almeno in U.S.A., non sono mai stati realizzati reality sul porno.

Andando alla formula dello show, a contendersi il premio finale di 1 milione di dollari sono otto maschietti e altrettante femminucce. I partecipanti del reality sono “vergini”, da un punto di vista cinematografico ovviamente. Per quel che concerne la reale entità del premio solo una parte è in denaro, la restante invece consiste in un contratto triennale con una major del settore.

I concorrenti vengono valutati da quattro giudici molto conosciuti dagli appassionati del genere.

I giudici sono:

Tori Black, attrice che ha debuttato nei set a luci rosse a soli 18 anni:

tori black

Remy LacCroix, performer molto conosciuta dagli amanti del genere estremo:

Remy LaCroix

La regina del bondage Lexi Belle lexi belle

Infine, per le “quote celesti”, c’è Keiran Lee, l’attore che ha assicurato il suo pene per un milione di dollari:

keiran lee

 

Tornando al reality c’è da dire che il produttore Buddy Ruben ha già in procinto la realizzazione di due altri show per il sito xHamster.

L’agente di commercio californiano aveva iniziato le riprese di “Sex Factor” nel 2014, sembra infatti che inizialmente il programma venne proposto ad alcune emittenti televisive che lo rifiutarono per motivi legati alla censura. Da sottolineare il fatto che l’Italia, avendo mandato recentemente in onda un reality su Rocco Siffredi, si è dimostrata più progressista degli U.S.A.

 

Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button