LifeStyleSport

Il talento senza categoria: Italia di provincia

Tanti i potenziali campioni nel vasto mondo della C. Il catanese Manneh miglior giovane per rendimento del campionato

Il ritorno alla vecchia e cara dicitura Serie C, dopo per qualche anno la divagazione in Lega Pro, fa tornare alla mente quel romanticismo di un tempo, quando tutto era molto più chiaro e semplice. Esisteva la A, la B e la C1 con la C2. I campionati erano a 18 squadre, gli esisti in positivo e negativo venivano stabiliti dal campo e non in tribunale. Così ogni anno era possibile assistere a sorprese in grado di ergersi a protagoniste partendo dai bassi fondi delle serie italiane.

La serie C come “centro accoglienza” di nobili decadute

Oggi invece, soprattutto la nuova Serie C, è un accumulo di nobili decadute. Le quali sono crollate nelle serie inferiori per via di penalizzazioni e fallimenti, arricchendo sicuramente un campionato inferiore ma ammazzando le speranze e i sogni di quelle piccole piazze che ambiscono alla cadetteria. Campionati spesso già scritti quelli recenti, dove a salire sono le solite note che è già possibile definire alla vigilia dell’inizio di ogni girone. Spesso il calcio sorprende, per fortuna, ma questo non è il caso. 

Guardando ad esempio a quanto avviene nel girone C, dove le squadre preventivate stanno recitando il ruolo di protagonista.

In particolare, Juve Stabia e Catania che occupano i primi due posti e la fanno da padrona. Gli etnei presentano un importante nucleo di vecchie glorie del calcio catanese che importanti pagine della Serie A ha saputo scrivere nel primo decennio del nuovo millennio. Da Lodi a Biagianti, da Calapai a bomber Marotta: non solo old-age, per fortuna anche qualche giovane lanciato dai rosso-azzurri, come la bellissima storia di Manneh, inserito nella top ten dei giovani talenti distribuiti nei tre gironi del campionato.

Manneh: giovane talento arrivato con il barcone

È esattamente uno di quei ragazzi che arrivano sull’isola siciliana in uno di quei barconi oggi al centro di tutte le notizie di cronaca ed attualità. Ci arrivò cinque anni fa, non era nessuno ed oggi invece si prende le prime pagine non per la sua storia o il colore della pelle. Semplicemente perché è il miglior giovane per rendimento del campionato. Un esterno in grado di abbinare al classico atletismo africano, una buonissima tecnica ed anche una sapienza tattica non comune per chi arriva dal continente nero, più avvezzo a corsa e genio.

Non solo Menneh, perché bene stanno facendo anche i bomber di razza come il già citato Marotta, Curiale ed Evacuo del Trapani che con Corapi ha timbrato il cartellino già ben 8 volte. C’è poi il paradosso Catania, giocatore e bomber navigato del Siracusa, a quota cinque reti fino ad arrivare al giovane francese Nzola di un Trapani terzo in classifica, tre reti per il ventiduenne e molte buone giocate che ne fanno uno degli stranieri più interessanti del girone.

Un nuovo esperimento per la serie C

I tre gironi di Serie C presentano da quest’anno la grande novità delle squadre riserve, come ad esempio la Juventus Under 23. Un esperimento sino ad oggi non giudicato lodevolmente dalla Federazione.

Da capire se le verrà dato del tempo o sarà subito abolito dopo appena un anno dalla sua introduzione, nonostante fosse stato da più parti invocato. L’idea era quella di fra crescere i giovani prodotti dei vivai di grandi squadre anziché nella Primavera, in un campionato professionistico vero e proprio.

In realtà, per il momento almeno, il trend delle grandi squadre è quello di mandare i propri migliori talenti in prestito in altre squadre. Così relegando alla selezione Under 23 coloro i quali hanno avuto meno mercato o sono già in là con i vent’anni e dunque poco appetibili da altre squadre. Un esperimento molto diverso dai campionati esteri, come in Inghilterra, dove esiste un vero e proprio campionato dedicato alle selezioni delle riserve.

 

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.