fbpx
CronachePrimo Piano

Sequestrata discaricata abusiva di oltre 10mila metri quadri -FOTO&VIDEO

Sequestrata dai Carabinieri del NOE di Catania una discarica abusiva di oltre 10.000 mq. sita nei pressi della contrada Dirillo-Scalonazzo di Acate, nel ragusano. 

Titolare della discarica è un 46enne del luogo. L’area in questione era infatti autorizzata a ricevere solamente dei rifiuti provenienti dalle attività di demolizioni, costruzioni e scavi. Ma, di fatto, nelle ultime settimane la discarica si era riempita notevoli quantità di rifiuti provenienti dall’impianto di trattamento di rifiuti speciali pericolosi di una Società di Chiaramonte Gulfi. Questo è quanto emerso da una serie di controlli effettuati dalle Forze dell’Ordine. 

I rifiuti trasportati viaggiavano, infatti, con documentazione descrittiva denominata F.I.R. (Formulario Identificazione Rifiuti). La certificazione non era ovviamente conforme in quanto il codice C.E.R. (Codice Europeo Rifiuti) attribuito dal produttore non era corrispondente alle caratteristiche del rifiuto stesso. Si occuperà dunque l’ARPA di Ragusa di effettuare i campionamenti e le successive analisi dei rifiuti in questione.

Al termine delle operazioni il NOE Carabinieri di Catania ha quindi eseguito il sequestro sia del sito di Acate che dell’area di stoccaggio dei rifiuti ubicata all’interno dell’impianto di trattamento di Chiaramonte Gulfi. Stimata all’interno dell’area del sito di Acate, la presenza di oltre 100.000 tonnellate di rifiuti sulle quali occorrerà proseguire le attività di analisi. Sui responsabili legali delle due Società adesso pende dunque l’ipotesi di reato di concorso di gestione di discarica abusiva.

E.G.

GALLERY:

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button