fbpx
CronachePrimo Piano

Sotto sequestro 20 mila mascherine nocive e non sicure

Un cittadino cinese vendeva nella propria attività commerciale mascherine nocive per la salute e non sicure.  Prosegue così l’attività dei militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania mirata alla verifica delle misure per il contenimento dell’epidemia Coronavirus.

In un negozio di Misterbianco sono state sottoposte a sequestro 20.000 mascherine di protezione individuale (D.P.I.) non sicure. In particolare, i militari della Compagnia di Catania, grazie ad un costante controllo del territorio e ad una mirata attività info-investigativa, hanno individuato l’esercizio commerciale, gestito da un cittadino cinese.

All’atto dell’accesso, i finanzieri hanno riscontrato che le mascherine erano prive della marcatura di qualità CE. Tali prodotti, oltre ad essere di per sé potenzialmente nocivi per la salute della persona, non avevano inoltre le istruzioni in italiano, in quanto provenienti direttamente dalla Cina. Assente anche la documentazione contabile e fiscale che ne attestasse la legittima provenienza. La merce era sprovvista di  autorizzazioni che ne dimostrassero la conformità alle disposizioni vigenti in materia sanitaria.

Per tale ragione, i militari hanno proceduto al sequestro amministrativo della merce. Inoltre segnalato il titolare dell’attività commerciale alla locale Camera di Commercio.

E.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker