fbpx
CronachePrimo Piano

Senza acqua la palazzina occupata in via Calatabiano: il grido dei residenti -VIDEO

Rubinetti a secchi e distacco dell’acqua: inizia così la giornata delle famiglie in emergenza abitativa che abitano la palazzina occupata di via Calatabiano 49. Quest’ultima, di proprietà dell’impresa immobiliare Fincob srl, era in stato di abbandono prima che le famiglie in emergenza abitativa la rendessero “casa”. Da quattro anni lottano per costruire una comunità stabile ed una vita dignitosa, superando svariate difficoltà.

Le testimonianze

Dichiara Monica: «Siamo consapevoli che ormai le storie quotidiane di sfratti e di famiglie costrette a vivere in situazioni di disagio e precarietà quando non in strada non fanno più notizia, come se ormai fossero parte della vita normale di questa città. Noi, famiglie, uomini e donne che abbiamo vissuto sulla nostra pelle la perdita del lavoro, uno sfratto, la perdita della nostra casa ed ancora l’indifferenza e l’arroganza dei rappresentanti del comune e delle assistenti sociali abbiamo però deciso di non rassegnarci. Insieme, abbiamo deciso di non restare in silenzio, di non continuare ad ascoltare passivamente le false promesse e le velate minacce, ma soprattutto abbiamo deciso di non fare calpestare la nostra dignità».

Continua Gino: «Abbiamo deciso di trovare una soluzione, che oltre a ridarci una casa, permettesse a noi e i nostri bambini di riaffermare il nostro diritto a vivere in modo degno. Vivere senza acqua non è vita. Abbiamo lottato per un tetto sulla testa, lotteremo anche per un diritto inalienabile come l’acqua».

Non hanno paura a metterci la faccia per raccontarsi, e con breve video racconto, rilanciano la battaglia

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.