fbpx
CronacheNews

Se Ramacca chiude, l’organico va a Belpasso

È notizia di questa mattina che la Società per la regolamentazione del servizio di gestione rifiuti per la provincia di Catania ha stipulato un accordo con una discarica di Belpasso per il conferimento della frazione organica dei comuni che, da oltre una settimana, si sono visti chiudere il centro di raccolta di Ramacca per esaurimento degli spazi disponibili.

Lo annuncia il sindaco di Aci Castello, Filippo Drago, che nei giorni scorsi aveva sollevato una polemica proprio sulla questione legata alla mancata programmazione in materia di utilizzo delle discariche, alla luce delle ordinanze del presidente della Regione volte a favorire l’incremento della raccolta differenziata.

“Accogliamo positivamente la disponibilità di un nuovo sito dove poter correttamente portare i nostri rifiuti organici, ma siamo di fronte all’ennesima soluzione tampone che non serve a nessuno. Occorre infatti – afferma Drago – che adesso la Regione siciliana metta mano definitivamente ad un programma concreto per mettere in condizione tutti i comuni di poter conferire senza patemi d’animo, spingere sull’acceleratore per aumentare la quantità di rifiuti differenziati e, soprattutto, abbassare le tasse ai cittadini. Noi rimaniamo vigili e continueremo a sollecitare finché la Sicilia non sarà totalmente adeguata a questa nuova sfida volta al rispetto dell’ambiente ed alla civiltà.”

Intanto, ad Aci Castello giungono i nuovi dati sulle percentuali di raccolta differenziata, avviata nel territorio comunale da poco più di tre mesi. L’ultimo dato globale ha segnato il mantenimento alla quota del 76,13%, riferita al mese di giugno. Nello specifico nella “Riviera dei Ciclopi” è stato raccolto il 37,18% di umido, l’8,86% di plastica, il 9,65% di vetro, l’8,98% di cartone ed l’1,21% di carta, più altre tipologie di rifiuto differenziato (sfalci di potatura, inerti, ecc…).

“Sono numeri soddisfacenti – conclude il sindaco castellese – segno che anche il primo impatto con l’incremento della popolazione, in questo periodo estivo, è stato ben assimilato. Da parte nostra ce la stiamo mettendo tutta per differenziare in quantità e qualità, per questo vorremmo che le istituzioni regionali sostenessero concretamente questa nostra azione.”

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button