fbpx
News in evidenzaPolitica

Scuole aperte a Catania: duro attacco al sindaco Enzo Bianco

Arcidiacono: ”Il Sindaco Enzo Bianco non  esercita il coordinamento della Città Metropolitana”.

Si è espresso così in un lungo comunicato il Vicepresidente Vicario del Consiglio Comunale di Catania.

In buona sostanza nel comunicato Sebastiano Arcidiacono ha detto che se si chiudono le scuole dei comuni limitrofi per coerenza andrebbero chiuse anche le scuole di Catania sia per questioni di mero coordinamento, ma anche per questioni legate al fatto che molti degli studenti delle scuole catanesi provengono proprio da quei comuni in cui è stata diramata l’emergenza meteo.

Questo il comunicato completo scritto da Sebastiano Arcidiacono:

“L’inverosimile balletto delle ordinanze dichiusura delle scuole rimesse ai sindaci del singolo comune, ripropone l’assenza di un efficace coordinamento dell’area vasta provinciale che la Città Metropolitana e il sindaco Bianco ancora una volta non hanno esercitato. La totale mancanza di una visione unitaria e complessiva del problema meteorologico e della corrispettiva sicurezza delle scuole causa disagi alle famiglie, agli alunni e al personale scolastico sia per la carenza di univocheinformazioni e per l’illogicità di rimettere alla singola discrezione dei comuni la scelta di chiudere o meno le scuole. Non ha alcun senso, infatti, chiudere quelle dei comuni limitrofi e lasciare aperte quelle del capoluogo, come ancora una volta è accaduto, tanto più che nella città di Catania hanno sede gran parte degli istituti scolastici provinciali che costringono alunni e personale scolastico ad affrontare lunghi trasferimenti con le intemperie, a rischio della sicurezza della viabilità e degli edifici scolastici. Tempo addietro proprio il sindaco Bianco aveva annunciato iniziative di interventi coordinati che in realtà, ancora una volta, si sono rivelati solo annunci ad effetto poiché, di fatto, egli omette l’assolvimento dei compiti dicoordinamento e direttiva dell’area vasta che gli derivano dalla guida della Città Metropolitana.

Per rimuovere questo stato di immobilismosuggeriamo che siano i sindaci stessi ad autoconvocarsi in assemblea per imporre, finalmente, quel necessario coordinamento metropolitano ed evitare il ripetersi dell’irrazionale scaricabarile delle competenze, poiché è di tutta evidenza che il problema ambientale e meteorologico ma anche della sicurezza scolastica va gestito in ottica sovracomunale e di area vasta.”

In risposta ad Arcidiacono una dichiarazione di Giovanni D’Avola

 

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker