fbpx
CronacheNews

Scoppia rissa all’Ecs Dogana Hotel, nell’indifferenza di organizzatori e buttafuori

Sulla sua pagina Facebook  Emily, la ragazza che ieri sera insieme ad altri amici è stata coinvolta suo malgrado in una rissa all‘Ecs Dogana Hotel, esprime indignazione e rabbia nei confronti di organizzatori e buttafuori del locale, che secondo quanto racconta la giovane, sarebbero rimasti indifferenti. Nel post di denuncia la ragazza scrive:

«Siamo andati a ballare, spendendo una cifra consistente per avere un tavolo e una certa privacy. Ne è risultata una rissa con quelli del tavolo acccanto, i soliti zaurdi della situazione. Alla terza provocazione da parte loro, è cominciata la zuffa. Peccato che in mezzo ci fossi anche io. Non saprei esternare quello che provo perché sono scossa e malconcia. Ho sempre visto da lontano queste situazioni e trovarmici per la prima volta mi infonde un gran senso di rabbia per la mia impotenza. Penso che sia vergognoso tutto questo: ci vantiamo tanto della nightlife della nostra città ma è tutto fumo. Mi brucia il ginocchio, lo stesso che mi ha rotto giorno 11 novembre 2007 un altro schifoso incivile. Ho 25 anni e conosco le serate della mia città: mi sento amareggiata perché nessuno ti assiste realmente. I buttafuori si sono permessi di prendersela con tre coppie e un paio di amici, nonostante quei trogloditi avessero pure distrutto un paio di occhiali che ho cercato invanamente (trovandone metà). Io mi indigno. Ho raccontato l’accaduto a due buttafuori e due organizzatori differenti, che mi hanno guardato e ascoltato con totale indifferenza: altro che empatia! D’altronde i centinaia di euro senza alcuno scontrino se li sono intascati. Viva l’ Ecs Dogana Hotel: continuate ad andarci. Io non ho intenzione di rimetterci piede e mi dispiace di avergli regalato dei soldi che ho guadagnato lavorando onestamente».

E tra commenti di sostegno e qualche critica Emily sottolinea «Siamo stati ignorati quando era nostro diritto ricevere almeno delle scuse».

 

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button