fbpx
Nera

Scoperti ragazzini a fumare marijuana a piazza europa, tra loro un 12enne

Una sessantina di ragazzini, di età compresa tra i 12 e i 15 anni, sono stati trovati in possesso di sostanze stupefacenti.

Continuano i controlli disposti dal Questore Alberto Francini finalizzati a garantire il regolare e sereno svolgimento delle attività didattiche e a tutelare la sicurezza degli alunni nelle scuole.

I controlli sono stati eseguiti nei pressi di un Istituto scolastico nel centro di Catania, per poi essere estesi anche alla zona di piazza Europa, notoriamente frequentata da ragazzi e da giovani adulti.

Nei pressi del centro commerciale “Borghetto Europa”, i poliziotti hanno notato circa 60 giovani, divisi in gruppetti, intenti a fumare presumibilmente marjuana. L’ipotesi veniva sostenuta per via del forte odore di canapa bruciata che si avvertiva nell’aria.

Per tale motivo, trattandosi in modo palese di minori, i poliziotti sono intervenuti, identificando 5 ragazzini ai quali è stato contestato l’uso personale di sostanze stupefacenti. Oltre al sequestro della droga rinvenuta e al convocamento dei genitori, i minori saranno segnalati alla Prefettura al fine di partecipare ai previsti piani di recupero.

I ragazzi verranno segnalati anche ai servizi sociali e al Tribunale dei Minori.

Con loro c’era anche un ragazzino di meno di 12 anni che, oltre allo stupefacente, possedeva anche un pacchetto di sigarette.

Inoltre, un quindicenne, molto teso a causa delle contestazioni, ha aggredito i poliziotti rendendo necessario l’intervento di altri agenti e del genitore per fermarlo. Il ragazzino è stato denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale.

La madre del 15enne pare che lo avesse, inoltre, autorizzato ad interrompere gli studi all’età di 13, ovvero prima di quanto prevede la legge.

Per questo motivo, la donna è stata indagata per il reato previsto dalla legge 27 dicembre 2006 n.296 che impone l’obbligo dell’istruzione scolastica sino a 16 anni.

I poliziotti hanno anche fermato e indagato in stato di libertà un giovane che stava spacciando droga a una minorenne: nel corso dell’operazione, si è proceduto al sequestro penale di numerose dosi di droga e del denaro rinvenuto dentro lo zaino dello spacciatore, il quale ha ammesso ogni responsabilità.

Anche in questo caso, la minore è stata segnalata alla Prefettura ai sensi dell’art. 75 DPR 309/90 e verrà segnalata anche ai servizi sociali atteso l’atteggiamento ostile manifestato nei riguardi del genitore giunto sul posto e della stessa polizia di Stato.

Al termine dei colloqui tra poliziotti e genitori, molti di quest’ultimi hanno ringraziato gli agenti per gli accertamenti eseguiti. Mentre una donna, invece, ha oltraggiato la polizia affermando che ” la polizia dovrebbe pensare a cose più importanti”.

EG.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button