fbpx
Cronache

Scoperta maxi discarica abusiva a San Cristoforo

Militari del Nucleo Operativo Ambientale della Guardia Costiera di Catania, su disposizione della Procura della Repubblica di Catania, al termine di una articolata e complessa attività investigativa, hanno eseguito una operazione di polizia ambientale in un’area compresa tra il torrente Acquicella e lo storico quartiere di San Cristoforo.

Quattro le persone denunciate alla Autorità Giudiziaria, tra cui i proprietari del terreno e la titolare di una nota ditta di autodemolizione della provincia etnea, che in concorso tra loro avevano messo in atto un vasto traffico di smaltimento di rifiuti pericolosi ed autovetture, alcune delle quali provento di furto. Una vasta area superiore a 5000mq, è stata posta sotto sequestro con annessi capannoni industriali all’interno dei quali veniva svolta l’illecita attività di smantellamento di auto e materiali provenienti da scarti industriali. I reati ipotizzati vanno dalla gestione di rifiuti non autorizzata, alla discarica abusiva di materiali pericolosi, alla ricettazione.

All’interno del complesso adibito a centro di raccolta abusivo, privo di alcuna tipologia di autorizzazione era usuale procedere a stoccaggio e smaltimento di ogni genere di rifiuti tale da determinare un depauperamento dello stato luoghi. Inoltre la struttura funzionava anche quale succursale abusiva di società autorizzate alla demolizione di autovetture, per lo svolgimento di tutte quelle attività non legalmente consentite presso le aree di deposito.

Gli scarti ferrosi e di diversa natura, anche pericolosa, venivano ammassati senza alcuna idonea protezione e depositati sul piazzale dello stabilimento in aree non pavimentate ed esposti all’azione degli agenti atmosferici, determinando copioso percolato e l’infiltrazione nel sottosuolo.

Non mancano casi ampiamente documentati dagli investigatori di auto rubate che all’interno della struttura venivano smantellate e rivendute parzialmente a terzi soggetti, nonché incendi finalizzati alla distruzione del materiale non riutilizzabile.

Gli inquirenti hanno altresì rinvenuto un ingente quantitativo di rame, il cui possessore non è stato in grado di giustificare la provenienza, numerosi fusti contenenti olio esausto e liquido corrosivo ed un importante quantitativo di batterie trattate come normale rifiuto, copertoni di autovetture, oltre che un ingente quantitativo di amianto. All’interno dell’area, inoltre, sono stati posti sotto sequestro nr. 5 scooter di cui si accerterà la provenienza, quattro autovetture, due camion e due camper.

E.G.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button