fbpx
CronacheNews

Scontri a Catania: Questore vanta intervento professionale ma si carica contro giovane a terra

Questa mattina il questore di Catania Marcello Cardona, in conferenza stampa per fare il punto della situazione sul servizio prestato dalla polizia durante la festa dell’unità alla villa Bellini di Catania, ha tenuto a precisare che l’intervento della polizia è stato professionale e da protocollo.

Ma se è pur vero che l’ingaggio degli scontri è avvenuto secondo protocollo ed in maniera professionale, appare un neo sul successivo intervento degli agenti che smentisce di fatto quanto affermato dal questore.

Un volta avvenuta la carica, successivamente all’esplosione della bomba carta, due giovani, protagonisti degli scontri, rimangono a terra sdraiati sull’asfalto, uno di loro in particolare è coperto dallo striscione rinforzato che stava alla base del corteo che sarà utilizzato come scudo dai manifestanti.

scontri1  scontri2 scontri3 scontri4

Spostato lo striscione, lo dimostra il video prodotto dall’Urlo, gli agenti continuano a caricare sul giovane sdraiato a terra. Tant’è che si è reso necessario l’intervento di due avvocati e delle persone circostanti per fermare i poliziotti che continuavano ad investire il giovane, non è chiaro, se con manganelli o pugni.

[youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=rUdjcLVTJ24″ width=”500″ height=”300″]

Oggi il questore, in conferenza stampa, quando è gli è stata sollevata tale osservazione ha risposto prima mettendo in dubbio il fatto e poi quando gli è stato ribadito che c’era un video e che sono intervenuti gli avvocati per porre fine all’azione dei poliziotti ha detto «se è così gli avvocati presentino denuncia, comunque non è stato registrato nessun contuso grave». Ed in conclusione il questore ha definito “fuori luogo (nel contesto di una conferenza stampa NdR) la domanda” che piuttosto era un’osservazione sullo stato delle cose cui si richiedeva un commento.

Dal punto di vista giornalistico appare una chiusura o un no comment su una questione che in verità appare rilevante e non fuori luogo.

Cardona sostiene la professionalità dei suoi agenti attenti a seguire il protocollo ma è ben chiaro che il protocollo non contempla che si continui a caricare su un soggetto inerme steso per terra, giustissimo che nessun contuso grave sia stato registrato ma è pur vero che a tale scopo potrebbe essersi rivelato provvidenziale l’intervento degli avvocati assistiti da un pubblico disperato che invocava lo stop della polizia.

Ad ogni modo risulta difficile credere che nessuno si sia contuso in maniera rilevante visto che se le sono date di santa ragione. Se nessun ospedale ha registrato un referto è più possibile immaginare che i giovani manifestanti che hanno partecipato agli scontri, qualora si siano presentati in un nosocomio, abbiano preferito dichiarare altro piuttosto che la partecipazione a degli scontri con la polizia.

 

 

 

 

Mostra di più

Fabiola Foti

38 anni, mamma di Adriano e Alessandro. Giornalista da 20 anni, può testimoniare il passaggio dell'informazione dal cartaceo al web e, in televisione, dall'analogico al digitale. Esperta in montaggio audio-video e in social, amante delle nuove tecnologie è convinta che il web, più che la fine dell'informazione come affermano i "giornalisti matusa", rappresenti una nuova frontiera da superare. Laureata in scienze giuridiche a Catania ha presentato una tesi in Diritto Ecclesiastico. Ha lavorato per: TRA, Rei Tv, Video Mediterraneo, TeleJonica, TirrenoSat, Giornale di Sicilia. Regista e conduttrice del format tv di approfondimento Viaggio Nella Realtà. Direttore di SudPress per due anni. Già responsabile Ufficio Stampa per Società degli Interporti Siciliani e Iterporti Italiani. Già responsabile Comunicazione e Social per due partiti. Attualmente assistente parlarmentare con mansioni di Ufficio Stampa presso il Parlamento Europeo. Fondatore della testata online L'Urlo.

Potrebbe interessarti anche

Back to top button