fbpx
CronacheNews

Sciopero dei medici, garantite solo le urgenze in Sicilia

Il settore medico sciopera per protestare contro i tagli e «l’indifferenza del governo ai problemi della Sanità».  Secondo le prime stime l’adesione sarebbe del 75%. Tra questi rientrano anche i medici siciliani. Saltate centinaia di operazioni non urgenti, visite ambulatoriali ed esami radiologici. Incrociano le braccia anche i medici di famiglia, i pediatri, il personale in forza alle guardie mediche. Saranno garantite solo le emergenze negli ospedali. I camici bianchi protestano per il rinnovo del contratto al palo da sei anni, i tagli alla sanità, il blocco delle assunzioni. Situazione ancora più incandescente in Sicilia alle prese con i vuoti d’organico e turni impossibili da organizzare con i lavoratori a disposizione, specie dopo l’entrata in vigore dei nuovi orari di lavoro ridotti per legge.

Lo sciopero di 24 ore, dalla mezzanotte di ieri, ha fatto slittare centinaia di operazioni, Tac, Risonanze, ecografie. Agli ospedali riuniti Villa Sofia-Cervello sono stati rinviati un centinaio di esami radiologici non urgenti per esterni e ricoverati. L’adesione più massiccia tra gli anestesisti. Cancellate cinque sedute operatorie e una ventina di interventi programmati in Otorino, Ortopedia, Urologia e Chirurgia vascolare.

(Foto La Stampa)

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button