fbpx
CronacheNews in evidenza

Sindacati in Sac Service annunciano sciopero dei lavoratori sabato 24 luglio

“Le Organizzazioni Sindacali presenti alla Sac Service assumono un atteggiamento antisindacale nei confronti dello SNALV Confsal,  mantenendo uno status quo antidemocratico, che non solo non corrisponde al volere dei lavoratori che vorrebbero decidere i propri rappresentanti sindacali con libere elezioni, ma impediscono anche al sindacato Snalv di svolgere la propria attività. Nonostante diversi inviti le altre OO.SS. presenti in azienda rifiutano ogni confronto”.

Sono dure le parole del segretario regionale dello Snalv Confsal Antonio Santonocito nei confronti delle organizzazioni sindacali presenti in Sac, l’azienda che gestisce l’aeroporto di Catania.

Ostruzione. È questa la parola che descrive la situazione all’interno dell’azienda sia  nei confronti del sindacato che dei lavoratori.

Molte volte è stato chiesto, senza nessun riscontro dalle altre OO.SS., un incontro per le discussioni preliminari per l’attivazione della procedura per l’indizione di elezioni delle RSU, ovvero le rappresentanze sindacali unitarie che vengono scelte da ogni lavoratore in azienda indipendentemente dalla loro iscrizione a un sindacato al fine di sostituire le attuali RSA, rappresentanze sindacali aziendali che sono elette soltanto dai lavoratori iscritti a un particolare sindacato. “I lavoratori devono potere scegliere democraticamente i propri rappresentanti e non accettare passivamente quelli indicati dai sindacati”, aggiunge Santonocito.

Lo SNALV da solo rappresenta circa il 30% dei lavoratori e negli ultimi mesi ha raccolto la firma del 50% dei dipendenti che chiedono democrazia e libere elezioni. “A quanto pare però tutto questo non vale nulla rendendo evidente che allo Snalv è impedito di dare risposta a tutti questi lavoratori che hanno espressamente manifestato la loro volontà di scegliere i propri rappresentanti sindacali attraverso elezioni a suffragio universale e a scrutinio segreto, secondo quanto previsto dagli accordi sulla rappresentanza sindacale con Confindustria che Confsal ha sottoscritto”, afferma ancora Santonocito.

“Si tratta dell’ennesima prova di non ascolto delle richieste dei lavoratori da parte di chi, forse, pensa di essere l’unico rappresentante dei lavoratori  ovvero le federazioni di trasporti  dei sindacati confederati”, aggiunge il segretario regionale Snalv.

Hanno forse paura di un confronto o di perdere un potere che la gente non vuole più dargli, ma che loro vorrebbero conservare? Sembra lo specchio della società in cui i politici non vogliono mollare la poltrona e non rispondono alle esigenze dei cittadini che quindi rimangono insoddisfatti. Una situazione certamente assurda e antidemocratica. Nelle prossime settimane, comunque, faremo da soli le elezioni delle RSU. Daremo la massima diffusione e vediamo se si ostineranno a boicottare ancora i lavoratori”, conclude Santonocito che annuncia sciopero dei lavoratori sabato 24 luglio dalle ore 10 alle ore 12.

Foto di repertorio

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button