fbpx
Giudiziaria

Scandalo dati Covid, Razza si avvale della facoltà di non rispondere. Procuratore: “Si voleva dare l’apparenza di un sistema sanitario efficiente”

Lo scandalo che ha investito l’assessorato alla Salute ha, inevitabilmente, portato i siciliani a chiedersi quale motivazione si celasse dietro l’alterazione dei dati Covid. 

«Il reato di falso è funzionale di solito ad altro. Apparentemente, l’unico motivo che ci siamo dati, atteso che la massima autorità politica regionale, cioè il presidente Musumeci, aveva invocato a più riprese la zona rossa, è che si volesse dare l’apparenza di una macchina sanitaria efficiente mentre così non era. O non lo era così come la si voleva fare apparire», a rispondere a questo interrogativo è il procuratore aggiunto di Trapani Maurizio Agnello ai microfoni di Rainews24.

Razza ormai ex assessore alla Salute -si è dimesso ieri- davanti ai magistrati ha deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere: «È un suo diritto -commenta Agnello- e lo rispettiamo, ma ho detto al suo avvocato che un amministratore pubblico dovrebbe avere il dovere di spiegare la sua posizione».

L’indagine è partita nei mesi scorsi da un laboratorio di Alcamo nel quale, ha ricordato il procuratore, «veniva processato un gran numero di tamponi e venivano trasmessi dati non veritieri: partendo da questo fatto siamo risaliti fino all’assessorato alla Sanità. Abbiamo assistito a una sistematica alterazione relativa ai soggetti positivi al Covid, ai deceduti e ai tamponi, dati trasmessi poi alle autorità sanitarie centrali, che avevano il dovere di approntare le contromisure necessarie. Resta da capire il perché».

«La frase “spalmiamo i morti”, seppur in un contesto telefonico, ci ha colpito molto, ed è una terminologia significativa della spregiudicatezza della condotta. Ci sono alcune intercettazioni, su cui non voglio entrare, in cui emerge evidente il tentativo di calmierare i numeri», conclude Agnello.

Ad oggi, infatti, le certezze dei cittadini sono nulle. Una sfiducia che certamente si ripercuoterà sul bollettino in procinto di uscire stasera dopo il silenzio di ieri.

E.G.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button