CronachePrimo Piano

La posizione scomoda di Marano tra festeggiamenti agatini e InvestiaCatania

Quale peso può avere l’autocertificazione sulla fedina penale dei componenti delle associazioni agatine?

Poco o nulla se nessuno ne accerta la veridicità. Vale invece moltissimo per il comitato per i festeggiamenti e la stessa Curia. Le due realtà a capo dell’organizzazione, con questa attestazione, si liberano da ogni responsabilità per tutti quei soggetti che non risultano “puliti” e che puntualmente si presentano sotto la vara di Sant’Agata.

Di più va segnalata la stessa posizione di Francesco Marano a capo dei festeggiamenti agatini. Il presidente del comitato è infatti anche l’attuale liquidatore di InvestiaCatania, la società partecipata in liquidazione che perde oltre 700mila euro. Notizie vecchie si dirà ma bisogna puntare su Marano. Il liquidatore elabora un regolamento che pretende la firma di una attestazione sulla fedina penale ma nuota in cattive acque per la partecipata.

Su InvestiaCatania pendono le inchieste della magistratura.

Da sette informative della guardia di finanza, emergono presunte irregolarità compiute da alcune delle aziende che hanno ricevuto fondi dalla partecipata comunale.

A fine ottobre Francesco Marano veniva convocato in commissione Bilancio al Comune. L’audizione era volta ad accertare il perché la società avesse perso 860 mila euro. 700 solo negli ultimi 3 anni.

Il liquidatore di IvestiaCatania si presenta con Saccuzzo

Con una mossa non troppo strategica Marano si presentava in commissione bilancio con Fabio Saccuzzo. Saccuzzo è il presidente del collegio dei sindaci di InvestiaCatania ma è anche il commercialista quarantenne coinvolto nell’inchiesta del gruppo Reitrans per cui sono state arrestate otto persone per bancarotta.

Il presidente del collegio dei sindaci di InvestiaCatania è stato arrestato con l’accusa di avere avuto un ruolo attivo nel favorire la schermatura dei patrimoni del gruppo Reitano. Saccuzzo, attraverso conoscenze personali con funzionari di banca, avrebbe determinato l’apertura e la gestione di conto correnti in aggiramento di ogni presidio anti-riciclaggio.

Una posizione ambigua quella di Marano che si trova nell’occhio del ciclone per la gestione di InvestiaCatania e contemporaneamente si prepara a fare da garante allo spirito cattolico che promuove la devozione a Sant’Agata

 

Tags
Mostra di più

Fabiola Foti

36 anni, mamma di Adriano e Alessandro. Giornalista da 18 anni, può testimoniare il passaggio dell'informazione dal cartaceo al web e, in televisione, dall'analogico al digitale. Esperta in montaggio audio-video e in social, amante delle nuove tecnologie è convinta che il web, più che la fine dell'informazione come affermano i "giornalisti matusa", rappresenti una nuova frontiera da superare. Laureata in scienze giuridiche a Catania ha presentato una tesi in Diritto Ecclesiastico. Ha lavorato per: TRA, Rei Tv, Video Mediterraneo, TeleJonica, TirrenoSat, Giornale di Sicilia. Regista e conduttrice del format tv di approfondimento Viaggio Nella Realtà. Direttore di SudPress per due anni. Già responsabile Ufficio Stampa per Società degli Interporti Siciliani e Iterporti Italiani. Già responsabile Comunicazione e Social per due partiti. Attualmente addetto stampa del NurSind Catania, sindacato delle professioni infermieristiche. Fondatore della testata online L'Urlo.

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.