fbpx
LifeStyleNews in evidenza

Aci Catena si tinge di bianco per la festa di Santa Lucia

Santa Lucia, una giovane appartenente ad una prestigiosa famiglia originaria di Siracusa, era orfana di padre. Lucia, che era promessa ad un uomo pagano, tornata da un viaggio verso Catania, decise di devolvere i propri beni rifiutando così il matrimonio. Quello che avrebbe dovuto essere il suo futuro sposo la denunciò come cristiana.

grande51E’ questo che ci racconta la storia di Santa Lucia; la festa in suo onore viene celebrata il 13 dicembre e per quel giorno ogni fedele devoto si veste con il rigoroso sacco bianco ed il cappello nero. 

“Egualmente importante il giorno della vigilia, in cui la Santa prende i primi contatti con la gente; – dichiara il parroco Don Gaetano Pulvirenti – In questa giornata la reliquia che si trova nella chiesa Maria Santissima della Catena o semplicemente Matrice, alla conclusione del novenario, attraversa la città per arrivare alla chiesa Aci Santa Lucia dove viene posizionata sull’altare.”

La festa si svolge secondo un programma ben preciso: alle 8 del mattino di giorno 13 il momento più emozionante per i fedeli, la svelata. Proseguendo alle ore 10.30 l’importante appuntamento del Pontificale, presieduto dal Vescovo al quale è presente l’orchestra ed i gruppi corali della chiesa di Aci Santa Lucia e di Aci San Filippo d’Agira.

santal2Alle 16.00 ecco finalmente l’uscita della Santa sul sagrato della chiesa celebrata con lo sparo dei fuochi d’artificio. A seguire la processione che si ferma poco dopo all’altezza del cosiddetto ponte, per ammirare il meraviglioso spettacolo pirotecnico.

“Ci prepariamo per almeno tre mesi ad onorare la santa in questi due giorni. La parte più bella per i fedeli è senza dubbio la svelata ma lo spettacolo pirotecnico è una tradizione che si tramanda da decenni e che attira spettatori da ogni parte della Sicilia. E’ un momento sacro che festeggia la santa.”, continua Don Gaetano, parroco della chiesa di Aci Santa Lucia. Spiega inoltre che i fuochi che vengono sparati nell’arco della festa sono pagati da un comitato permanente che durante tutto l’anno dedica il suo impegno alla raccolta di fondi per la causa.

L’unica sovvenzione proveniente dal comune riguarda l’istallazione delle luci decorative nelle strade.

Il fercolo, sul quale stanno Don Gaetano ed il mastro del fercolo, dopo aver fatto il giro dei vari rioni di Aci Catena percorre via Vittorio Emanuele affinché possano i fedeli dare un ultimo saluto alla santa, prima di riportarla nella sua cappella.

Santa Lucia, conosciuta comunemente come la santa della vista, era una donna tenace. Nonostante i molteplici momenti in cui fu costretta a piegarsi, lei non si spezzò mai e si rialzò più forte di prima. Da questo deriva la raffigurazione del fuoco, per simboleggiare la sua forza.

L’iconografia greca che la raffigura con gli occhi su di un piattino non sta a testimoniare un martirio subito bensì sta  a rappresentare la sua capacità di penetrare con gli occhi la verità, la luce.

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker