fbpx
CronacheNews

Santa Venera in furgone da Santa Maria La Scala lungo le chiazzette

Un mezzo di locomozione davvero fuori dall’ordinario quello che è stato usato per il busto di Santa Venera dal percorso dalle chiazzette a Santa Maria La Scala.

Le chiazzette costituiscono l’antico percorso all’interno della Timpa di Acireale, un sentiero che collega la città con la frazione di Santa Maria La Scala. Era, infatti, il sentiero che si usava per portare le barche fino a mare.

Quest’anno, il busto di Santa Venera è stato portata a spalla percorrendo l’antico percorso fino alla frazione marittima, ma qualcosa ha fatto cambiare il programma per il ritorno. Il sentiero delle chiazzette, infatti, è malridotto ai limiti della pericolosità.

“In qualche modo dobbiamo pur proteggere la statua di Santa Venera e non c’era bisogno di questo per dire quanto siano malridotte le chiazzette –  spiega Orazio Piro, presidente del circolo Santa Venera –  I fedeli che hanno portato Santa Venera in discesa hanno rischiato grosso, durante la salita del ritorno non potevamo rischiare. La difficoltà del tenere la statua in quelle condizioni, oltre la pendenza della salita, rendeva quasi impossibile il ritorno a piedi. Personalmente – continua il presidente del circolo – il furgone non disturba, non più del percorso dissestato”.

Quest’anno, inoltre, Santa Venera ha avuto un altro fercolo, quello di San Michele, poichè quello originale dalla porta della Cattedrale quest’anno non poteva passare.

 

fonte foto facebook

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button