fbpx
PoliticaPrimo PianoSenza categoria

Sanità, le 5 mosse di Razza: “Fuori la politica dagli ospedali”

In previsione delle prossime amministrative, la manovra dell'assessore regionale

Fuori le campagne elettorali dagli ospedali. L’atto di indirizzo che l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza ha firmato martedì è chiarissimo: la politica resti lontana dalle corsie ospedaliere. A darne notizia è il quotidiano La Sicilia, secondo cui il “vademecum” voluto da Razza è stato inviato a tutti i vertici delle aziende ospedaliere siciliane e anche alle Procure.

Cinque le mosse volute dal governo regionale. Sospese le inaugurazioni di reparti o nuove strutture nei comuni che andranno al voto il 10 giugno, divieto di organizzare riunioni di propaganda all’interno degli ospedali e di distribuire materiale elettorale al personale e ai pazienti, stop alle assunzioni ad eccezione dei rinnovi e delle stabilizzazioni già avviate. È questo il diktat dell’assessorato regionale alla Salute che, inoltre, invita i dipendenti della Sanità siciliana, se candidati, a mettersi in aspettativa per il periodo di campagna elettorale.

Fermo restando il diritto inviolabile di ciascun cittadino a proporre la sua candidatura, Razza ha notato che negli oltre 100 comuni siciliani che andranno al voto, quasi ovunque si registra la presenza di medici o dipendenti della sanità pubblica. Dunque, il governo regionale fissa dei limiti comportamentali e chiede trasparenza.

Le linee guida sono precise e invitano i dipendenti-candidati al rispetto del Servizio Sanitario Regionale.

 

 

 

 

ss

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker