fbpx
PoliticaSenza categoria

Sanità, incontro tra il sindaco e l’assessore Gucciardi

Incontro tra il sindaco di Catania Enzo Bianco, l’assessore regionale alla Sanità Baldo Gucciardi, i vertici delle aziende, sindaci e deputati regionali per discutere di sanità e salute. Dopo la visita di Gucciardi al Sindaco e la cerimonia della firma del Libro d’onore da parte dell’Assessore, ha avuto luogo, in Sala Giunta, la prima riunione, con i direttori generali dell’Azienda sanitaria provinciale Giuseppe Giammanco, del Cannizzaro Angelo Pellicanò e del Garibaldi Giorgio Santonocito e con il direttore amministrativo del Policlino Vittorio Emanuele, Giampiero Bonaccorsi. Presenti anche il rappresentante della Consulta sanitaria Mimmo Grimaldi, il preside della Facoltà di Medicina Francesco Basile e l’esperto del Sindaco per le questioni della Salute Francesco Santocono.

“L’assessore – ha detto Bianco – ha dimostrato di avere grande sensibilità e attenzione nei confronti della nostra città, e con lui, con il direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale Giammanco, con quelli delle aziende ospedaliere, con i sindaci della Città metropolitana e i deputati regionali abbiamo analizzato la condizione della Sanità a Catania, che presenta molte luci con alcune punte di eccellenza, ma, naturalmente anche con alcune zone d’ombra”.
“Abbiamo lavorato bene – ha detto Gucciardi, mostrando di apprezzare un modello operativo in cui il sindaco si occupa di tutelare gli interessi della salute dei propri cittadini – ascoltando i direttori generali, ossia coloro i quali hanno la responsabilità della governance della sanità in questa importantissima città, mettendo sul tappeto una serie di problematiche che dobbiamo affrontare insieme per una politica della salute sempre più all’altezza delle esigenze dei siciliani”.

Nel corso della riunione si è parlato dell’Ospedale San Marco, la cui consegna è in forte ritardo, della necessità di rinsaldare sia la partnership tra Comune e Asp ai fini della prevenzione, sia la rete tra i medici di medicina generale, l’Asp e le aziende ospedaliere, nonché di  rafforzare le strutture di informatizzazione e comunicazione. Bianco poi ha concentrato l’attenzione sui pronto soccorso – in particolare su quello in via di realizzazione al Garibaldi – e sul centro unico prenotazioni delle visite specialistiche.
“Si tratta – ha detto – di un tema molto sentito dai cittadini che esprimono lamentele pienamente giustificate e comprensibili. Altro argomento sul quale ho puntato l’accento è stato quello dei tempi d’attesa troppo lunghi per effettuare esami anche particolarmente delicati  e complessi”.
Partendo dalle strutture di urgenza-emergenza si è parlato anche di organici, e l’assessore ha detto che “Già nelle prossime settimane le aziende possono avviare le procedure di selezione del personale a partire dalle stabilizzazioni e delle mobilità di medici e non soltanto, che porterà a un consolidamento di quella che è l’organizzazione della Sanità a Catania e in provincia”.

Bianco e Gucciardi si sono poi spostati nell’aula consiliare per un confronto con i rappresentanti della Città Metropolitana e con alcuni deputati regionali eletti in provincia di Catania. C’erano assessori in rappresentanza di numerosi Comuni, i sindaci di Linguaglossa Rosa Maria Vecchio, di Paternò Mauro Mangano, di Ramacca Francesco Zappalà,  di Randazzo Michele Mario Mangione, di San Giovanni La Punta Nino Bellia, di Santa Venerina Salvatore Greco, di Trecastagni Giovanni Barbagallo, di Vizzini Marco Aurelio Sinatra, e i deputati regionali Nino D’Asero, Dino Fiorenza e Alfio Papale. Presenti anche alcuni componenti della Consulta Sanitaria del Comune di Catania: Salvatore Arcerito, Giuseppe Ettore, Rosario Evola, Gino Panascia e Claudio Pulvirenti.
Gucciardi ha espresso soddisfazione per questo nuovo metodo di lavoro proposto dal sindaco Bianco e che consente di confrontarsi e interagire nell’interesse del territorio con scelte democratiche e condivise in materia di Sanità. Bianco ha concluso la mattinata di lavori  annunciando una nuova riunione per fine anno e ricordando che “I cittadini si aspettano fatti concreti e dobbiamo lavorare per loro con accuratezza e rapidità”.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button