fbpx
CronacheNews

San Teodoro Liberato, furto nella club house dei Briganti Rugby Librino

1509775_10152746761116973_3857547187850859807_n“Hanno portato via palloni, conetti, provviste e attrezzatura elettrica del bar, trapani e seghetti.. tutto quello che hanno trovato insomma. Anche una vespa, posteggiata lì da uno dei ragazzi. A occhio direi che siamo intorno a mille-duemila euro di danno”, Piero Mancuso, uno dei dirigenti dei Briganti Rugby Librino, fa la conta dei danni del furto che tra la serata di ieri e questa notte ignoti hanno messo a segno nella club house del campo San Teodoro Liberato a Librino.

La triste scoperta questa mattina quando uno dei ragazzi si è recato nella struttura per prendere del materiale da utilizzare per le attività con i bambini della scuola “Livio Tempesta”. I ladri sono entrati sfondando una parete su un lato della struttura poco visibile dall’esterno creandosi un ariete con dei materiali trovati lì sul posto. “Siamo propensi a pensare – spiega Mancuso – che si tratti di semplice criminalità e non ci siano legami diretti con le nostre attività. A giudicare da quel che hanno preso e da quello che hanno lasciato, probabilmente il furto è stato organizzato al momento. Hanno usato quello che hanno trovato qui in zona e si son persi anche della refurtiva scappando”. Non si tratta, infatti, del primo furto alla struttura. Già in altre occasioni infatti la club house è stata presa di mira, un ultimo tentativo risale a Capodanno quando qualcuno ha forzato e rotto un lucchetto rotto e qualche pannello di plastica.

“Fino a ieri pomeriggio qui c’erano ragazzini, abbiamo avuto tre partite. Probabilmente qualcuno si è intrufolato nella confusione per un sopralluogo e s’è fatto un’idea della possibile refurtiva. Abbiamo murato il buco e probabilmente installeremo un sistema di allarme anche se speravamo di non dover arrivare a tanto. Avevamo già sistemato le altre entrate che erano state forzate in precedenza..”. “Un gesto vile nei confronti di un gruppo di ragazzi che provano attraverso lo sport a valorizzare l’intero quartiere”, ha commentato il presidente della Federazione Siciliana di Rugby, Orazio Arancio. Nonostante lo scempio, i Briganti non si perdono d’animo: “recuperemo quello che è stato portato via e continueremo con le nostre attività”.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker