fbpx
CronachePrimo Piano

San Nullo. Amt nega bus navetta per Metro

Mancano le risorse economiche e l'azienda sta riducendo le linee. «Dopo il 2021 si vedrà», il commento di Amt.

San Nullo. La stazione della Metropolitana di quartiere non sarà raggiungibile dai residenti con mezzi pubblici. Questo è emerso dal consiglio di circoscrizione presieduto da Erio Buceti, dove si è discusso il ripristino del bus navetta soppresso il 19 luglio.

Il bus navetta di San Nullo

La stazione della metropolitana di San Nullo sembra destinata ad essere per pochi ma non per tutti. La distanza di parecchie abitazioni della zona San Nullo e San Giovanni Galermo è infatti proibitiva per essere raggiunta a piedi. Pertanto, solo chi si trova nelle vicinanze della stazione può agevolmente usufruire del mezzo di trasporto targato Ferrovie Circumetnea. Per questo motivo, anni fa, era stata istituita una linea, il 613M, che doveva facilitare e incentivare l’utilizzo della Metropolitana. In parecchi avevano da subito mostrato delle perplessità sull’efficacia del percorso. Il risultato infatti è stato fallimentare, tanto che le vetture di Amt hanno viaggiato praticamente vuote fino al giorno della soppressione della linea.

La proposta di un residente

Un cittadino residente, Gianluca Pometti, aveva studiato un percorso innovativo che aveva riscosso interesse da parte di Amt. Affinché la proposta potesse essere ufficialmente valutata dal Comune di Catania e da Amt, i consiglieri della IV circoscrizione Andrea Spina e Mirko Giacone avevano presentato una mozione al consiglio della IV circoscrizione. Al consiglio era presente per Amt, l’ingegnere Vitali.

Vitali, Amt: «Preferiamo portare le circolari ai capolinea dei Brt»

È stato lo stesso dirigente dell’azienda partecipata del Comune di Catania a spegnere le speranze di avere un bus navetta che porti i 40mila abitanti del quartiere alla stazione della Metro di San Nullo. Al di là della proposta di Pometti, presente oggi nell’aula consiliare, Vitali ha spiegato che purtroppo al momento non vi sono le risorse necessarie per mettere in atto questo tipo di servizio. Anzi, le attuali 55 llinee saranno ridotte a 35.

Ai microfoni de L’Urlo lo stesso Vitali ha affermato che il numero di chilometri annuali dei bus Amt sarà ridotto dagli attuali 9milioni a 7,2. «Si cercherà di accorpare le linee. Queste saranno più efficienti ma il servizio porta a porta non riusciamo proprio a farlo». Poi aggiunge: «Seppur non efficienti come la Metro il Brt è altrettanto valido e noi lo stiamo migliorando e potenziando. Noi se abbiamo delle circolari preferiamo portarli verso il capolinea delle Brt. Questo perché sono delle nostre linee e rimaniamo sempre all’interno del nostro servizio», ammette Vitali.

Al termine della dibattito consiliare, la mozione non è stata neppure approvata per mancanza del numero legale. Erano infatti rimasti presenti in aula solo il presidente Erio Buceti e i consiglieri: Andrea Spina, Salvo Scorfani, Mirko Giacone, Rosario Cavallaro. Hanno lasciato i lavori prima del voto Giuseppe Zingale, Giuseppe Giustolisi e Giovanni Curia. La mozione sarà votata alla prossima riunione consiliare.

 

 

Tags
Mostra di più

Salvatore Giuffrida

Classe 70. Giornalista per passione ma nella vita passata chimico e topo di laboratorio. Un buon vino ed un piatto tipico sono sempre ben accetti. Per gli animali un amore sconfinato.

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker