fbpx
NeraSenza categoria

San Cristoforo, panificio aveva 6 dipendenti in nero tra cui due minorrenni

Un panificio, sito nel quartiere di San Cristoforo, aveva sette dipendenti, di cui solo uno in regola. Due di questi, inoltre erano minorenni.

La Polizia di Stato ha indagato in stato di libertà i genitori dei due minorenni per impiego di minori al di sotto di anni 15 in attività lavorativa e per violazione degli obblighi di istruzione poiché i ragazzini lavoravano dall’età di 11 anni.

A seguito di controlli effettuati dagli agenti del Commissariato Borgo-Ognina nel panificio già citato, sono state rilevate molte irregolarità nell’ambito della sicurezza e salubrità sui luoghi di lavoro, in materia di sfruttamento dei lavoratori, normativa tributaria e regolare assunzione dei lavoratori.

I dipendenti, oltre ad essere sprovvisti di regolare contratto di lavoro, erano sottopagati e non godevano di nessun riposo settimanale. L’unica lavoratrice ad essere in regola, infatti, è la figlia del titolare del panificio.

Inoltre l’attività era in scarse condizioni igienico-sanitarie nella zona laboratorio con residui di alimenti rinvenuti anche nel bagno ed è venuta alla luce l’occupazione di parte della strada e del marciapiede con attrezzatura dell’attività.

I poliziotti con il personale dell’Ispettorato del lavoro successivamente hanno effettuato ulteriori controlli ed è stato predisposto un provvedimento di sospensione dell’attività e circa 30 mila euro di maxi sanzione. I familiari del titolari non hanno rinunciato a qualche parola di protesta nei confronti degli agenti.

Il titolare del panificio è indagato in stato di libertà per i reati di sfruttamento dei lavoratori, invasione di strada pubblica, sicurezza e salubrità sui luoghi di lavoro e, in particolare uno dei suoi familiari, per minaccia, oltraggio e rifiuto di fornire le proprie generalità.

EG.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button