fbpx
GiudiziariaPrimo Piano

Salvini prosciolto dalla Procura di Catania per il caso Diciotti

Zuccaro decide per la non colpevolezza di Salvini

La Procura di Catania ha chiesto l’archiviazione in capo a Matteo Salvini per i fatti attinenti la nave Diciotti. Lo dichiara in diretta facebook lo stesso Ministro aprendo la lettera gialla inviata da Catania. Esultanza di Salvini al provvedimento firmato in calce dal procuratore Carmelo Zuccaro «È una buona notizia per me, i gufi dei centri sociali saranno abbacchiati» commenta.

Il vicepremier era accusato di sequestro di persona aggravato. L’inchiesta sulla Diciotti era composta da due filoni, uno in capo alla procura di Palermo e uno a quella di Catania. La procura di Palermo aveva già archiviato la parte di sua competenza, rimettendo a quella etnea una decisione sui fatti avvenuti nel porto. Oggi la vicenda arriva a una conclusione a meno che il giudice non respinga la richiesta del pm.

Il tribunale di Palermo aveva trasmesso la pratica alla procura del capoluogo etneo che doveva stabilire se fosse fondata l’ipotesi di sequestro di persona a carico del ministro perché la “Diciotti” rimase cinque giorni nel porto di Catania senza che il Viminale autorizzasse lo sbarco.

Mi è arrivata ora in ufficio una busta chiusa dalla Procura di Catania: sarò assolto o indagato???Dai che la apriamo insieme!Intanto buon Ognissanti a tutti voi Amici, e un abbraccio particolare a chi lavora.

Posted by Matteo Salvini on Thursday, 1 November 2018

“Quanto si è pagato per quest’inchiesta? Quanti uomini sono stati impiegati?”, si è chiesto il ministro dell’Interno. “Sono innocente – ha aggiunto – potevo e dovevo bloccare gli immigrati”.

Carmelo Zuccaro è stato il giudice che, in collaborazione con il ministro dell’Interno Minniti, nel corso del 2017 ha “smontato” il sistema delle Ong che nell’anno precedente (2016) avevano contribuito a portare in Italia il numero record di 181.436 migranti..

F.F.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button