fbpx
CronacheNewsNews in evidenza

#SalviamolasezioneC, le mamme della scuola Di Guardo: “Scuola senza iscrizioni per un pregiudizio”

Liste d’attesa infinite, classi pollaio, e poi una scuola che ha addirittura bisogno dell’iscrizione di 10 bambini per salvare una classe “o addirittura crearne di altre”. E’ quanto raccontano in una lettera le mamme della scuola “Di Guardo” di San Giovanni Galermo. La causa, spiegano, è il pregiudizio nato negli anni di un ambiente con una cattiva reputazione. “Eppure – raccontano –  le maestre seguono i nostri figli come fossero i loro ed amano il loro lavoro”. La chiusura di una sezione, inoltre, comporterebbe il trasferimento di una delle maestre “che è tornata in Sicilia, dal nord, per insegnare nella sua terra”. Per evitare questo trasferimento (“perchè i bimbi hanno bisogno di continuità”) le mamme hanno anche creato un post sui social con l’hashtag #salviamolasezioneC. 11174946_10206587712560772_7210520714895476105_n

“Siamo un gruppo di mamme della scuola Di Guardo di S. G.Galermo, e ci troviamo oggi a scrivere al giornale perché siamo preoccupate per la nostra classe e per i nostri figli. Quest’anno, la sezione C della scuola per l’infanzia ( termine tecnico per dire Asilo) chiuderà, stesso destino purtroppo pare avranno anche una classe delle elementari e delle scuole medie. La causa, strano a dirsi, è la mancanza di iscrizioni, in un istituto che abbraccia tutto il quartiere di S.G. Galermo, che confina con ben tre paesi dell’hinterland: Mascalucia, Gravina di Catania e S. Pietro Clarenza.

Ci troviamo a dover perdere una sezione dell’asilo e quindi all’inevitabile separazione dei nostri figli, che dovranno essere ripartiti in altre classi, e che perderanno la loro maestra alla quale sono tutti legati.

Classi sovraffollate, liste d’attesa per entrare in alcune scuole e poi c’è una scuola che ha i locali per accogliere una o addirittura più classi, che si ritrova a dover chiudere la sezione non essendoci il numero di bambini.

I nostri figli poi, perché siamo mamme e siamo egoiste quando di parla dei nostri bambini, verranno divisi, togliendo loro quella armonia nata, e dovranno lasciare la loro Maestra, una maestra che dal nord ha chiesto di tornare in Sicilia perché voleva insegnare NELLA SUA TERRA, ed oggi?

Anche lei che aveva progettato di seguire questi bimbi per 3 anni, costruendo un percorso scolastico con loro e le famiglie, si ritrova costretta a cambiare scuola e ricominciare tutto da capo; nella nostra classe abbiamo bambini che sono entrati quando avevano due anni e mezzo e oggi ripetono poesie, cantano e sanno tutti contare; non è una di quelle maestre che passa il tempo a farli giocare sperando che le ore finiscano presto, ci troviamo di fronte ad una maestra che ha costruito tantissimo in un anno e sappiamo che se restasse continuerebbe a lavorare con lo stesso spirito, perché quando si ama il proprio lavoro lo si vede negli occhi (e non è la sola in quella scuola sia ben inteso).

E noi siamo mamme, siamo egoiste, non vogliamo che i nostri figli perdano quest’occasione in una visione di continuità con la stessa insegnante e gli stessi compagni.

Ora vi chiederete perché scrivere, perché “alzare un polverone”. Il motivo è semplice: la scuola non ha bisogno di 100 iscritti, ma solo 10 bambini, servono solo 10 iscritti all’asilo di S.G.Galermo, e si potrebbe salvare la classe, si potrebbe mantenere la maestra nel suo ruolo e si potrebbe abbattere un pregiudizio, perché diciamocelo è un pregiudizio quello che fa credere che la scuola di S.g.Galermo sia un brutto ambiente, che sia inferiore qualitativamente ad altri istituti e si finisce per riempire liste d’attesa di alcune scuole e lasciare vuota una scuola che non ha nulla da invidiare ad altre strutture.

Abbiamo bisogno di queste 10 iscrizioni, quindi siamo noi mamme oggi a cercarle. Sembrerà strano ma vorremmo davvero che la nostra sezione non chiudesse, che la nostra scuola non perdesse un ottimo insegnante e che il pregiudizio non l’avesse vinta sulla reale situazione nella scuola, quindi se avete bimbi in lista l’attesa sappiate che non c’è motivo, che alla scuola Di Guardo a S.G.Galermo il posto c’è. Chiedete magari di vedere le classi che le maestre decorano con amore, guardate i corridoi dove le collaboratrici appendono le decorazioni con le farfalle in primavera e i pupazzetti di neve in inverno, dove le lezioni iniziano e finiscono con le canzoncine dello Zecchino d’Oro , guardate con i vostri occhi che la nostra scuola non ha nulla da invidiare e se vi piacerà aiutateci a salvare la nostra classe.

Abbiamo bisogno di voi!”

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker