fbpx
PoliticaPrimo Piano

Salva Comuni, accesso al fondo anche per Catania

Salva Comuni, anche la città metropolitana di Catania, in dissesto con 1,6 miliardi di euro di debiti potrà accedere al fondo. La Commissione Finanza e Bilancio alla Camera dei Deputati ha infatti approvato l’emendamento che dispone un fondo da 20 milioni di euro per il 2019 e da 35 milioni annui dal 2020 al 2033 per i Comuni metropolitani in dissesto.

Soddisfatto il Sottosegretario di Stato del Ministero dell’interno, con delega alla Finanza degli Enti Locali, Stefano Candiani.

«Lo avevamo promesso ai catanesi e l’abbiamo fatto», afferma il sottosegretario leghista. «Oggi siamo molto contenti di vedere l’entusiasmo di tutti attorno all’approvazione di questo emendamento. Anche di chi – fa notare Candiani – se non ci fossimo imposti si sarebbe limitato al problemi dei conti di Roma». La frecciatina è diretta al M5S con il quale la Lega condivide il governo.

«Ma i cittadini di Catania sanno chi ha lavorato per trovare una soluzione e chi oggi esulta dopo mesi passati a guardare alla finestra».

L’impegno su Catania e su altre città in difficoltà, era stato garantito dal Ministro dell’Interno Matteo Salvini.

«La linea che abbiamo imposto – prosegue Candiani – è precisa. Non doveva esistere un ‘Salva Roma’ ma un ‘Salva Comuni’. E oggi possiamo, a ragione, dire che grazie all’aver imposto quella linea Catania e altri Comuni possono ricominciare a guardare al futuro».

I Comuni in dissesto dovranno perciò attendere il voto delle due Camere per poter ricevere una boccata d’ossigeno come prevede il Salva Comuni.

∼DB

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button