fbpx
Giudiziaria

Sacca di sangue usata, risarcimento agli eredi

Catania – un riconoscimento per gli eredi di un uomo morto nel 2008 a causa di un errore medico. Il Tar di Catania ha condannato il ministero della Salute a versare 760.000 euro, come risarcimento danni, ai familiari dell’uomo morto nel dicembre 2008 in seguito ad una trasfusione di sangue eseguita in ospedale della provincia di Enna nel 1983.

L’uomo ha poi che contratto il virus dell’epatite C, poi evolutosi in cirrosi epatica che, nel 2008, ne ha causato la morte. L’uomo, che aveva 54 anni, ha lasciato la moglie e due figli.

A rappresentare la famiglia è stato l’avvocato Silvio Vignera per conto dell’Associazione a tutela degli epatopatici e malati (Atem), che ne dà notizia. “La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo – spiega Vignera – lo scorso 14 gennaio ha sanzionato lo Stato Italiano per notevoli ed ingiustificabili ritardi nel riconoscere il diritto delle vittime di danni da emotrasfusioni e nel pagamento dei relativi risarcimenti. La sentenza del Tar è dello scorso 23 marzo”.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker