fbpx
LifeStyleSenza categoria

RV e DONORS: Come divento un vampiro

trueblood600
Tra i giovani arriva una nuova, pericolosa moda: il vampirismo. Non vogliono essere paragonati ai personaggi del cinema oppure ai protagonisti di leggende o romanzi horror per bambini. Si dichiarano indignati di film come “Twilight” ed affini. Loro sono “RV” Real Vampires, sono normali esseri umani con una piccola dipendenza… il sangue!

Per i bevitori di sangue l’importante è che il fluido sia “vivo”. I RV consumano spesso il sangue di maiale, considerato un sostituto adatto del sangue umano ma, versare in un bicchiere del sangue di maiale però, non sembra molto affascinante per la comunità vampiresca quindi l’ideale restano i “Donors” ossia i donatori di sangue che volontariamente, si prestano a diventare un veloce spuntino per i Sanguinari (coloro che bevono il sangue dei donors).

Come si svolge tale pratica?

“Bere sangue crea dipendenza, è un vero e proprio nutrimento per noi ma non bisogna abusarne, è un alimento che si coagula nello stomaco e può provocare nausea e vomito”. Inizialmente viene assunto a piccole dosi. Niente morsi per fortuna, i RV sono vampiri moderni quindi utilizzano tecniche sofisticate come il bisturi, vari tipi di lamette, all’occorrenza siringhe monouso; il tutto stando molto attenti a disinfettare e osservare norme di igiene. Per questa tecnica si usano parti del corpo nascoste e poco dolorose come la parte esterna del gomito che è anche la parte meno dolorosa oppure avambraccio e dita. Prima di bere il sangue bisogna stare attenti che non ci siano ferite nel cavo orale per scongiurare contagi. Cosa più importante i RV non sono assassini dissanguatori perchè per alimentarsi hanno bisogno del quantitativo di un cucchiaino di sangue. Poca cosa insomma! Per i RV è importante la qualità perchè il sangue non è tutto uguale, ogni tipologia sanguigna pare abbia un sapore diverso e noi ci fidiamo sulla parola! La maggior parte di loro cerca il sangue tramite annunci o rivolgendosi alle banche del sangue in modo clandestino. In America invece, esistono delle vere associazioni che tutelano sanguinari e donatori con precise regole comportamentali per evitare rischi di malattie come AIDS ed Epatite. Come sostiene un sanguinario: “L’Italia non è pronta ad accettare i RV oppure ad accettare gli omosessuali nè altri stili di vita in generale”. Il moderno bevitore di sangue, non è paragonabile al vecchio e remoto Dracula. Non abita in luoghi oscuri e sperduti; è anzi un assiduo frequentatore di locali notturni ed ha il viso più che colorito. Dimentichiamo dunque i pesanti abiti neri, i canini sporgenti. Loro sono come noi e sono tra di noi.”Siamo vampiri ma siamo in primo luogo persone umane!” Il sogno proibito per un vampiro moderno è uscire alla luce del sole! “Vorrei uscire allo scoperto con assoluta normalità, vorrei dire che siamo RV per far capire alla gente che ad essere RV non c’è nulla di male, che possiamo diventarlo tutti”. Altri hanno desideri più audaci: “Il mio sogno è quello di aprire un locale a tema, bevande incluse. Chiaramente vietato ai minori e tutto sotto controllo della sanità”. I Real Vampires temono di non essere accettati in una società abituata troppo spesso a giudicare e sollevare pregiudizi. I Real Vampires hanno paura: “per la gente comune gli RV sono solo malati che andrebbero fatti rinchiudere, potenziali assassini che vogliono solo emulare dracula dimostrando così di non essere pronti ad accogliere tutti quelli come noi”. Come per tutte le comunità anche per loro esistono delle regole ferree tra sanguinari e donatori. Fanno esami di frequente per scongiurare malattie e si attengono a delle scrupolose norme di igiene e prevenzione.

Sangue, istruzioni per l’uso:

1)Evitare di bere sempre sangue umano perchè con il sangue animale ci sono meno rischi di malattie. 2)Affidarsi agli stessi donatori, evitare i donatori occasionali. Si rischiano serie malattie come HIV, HBV ed HCV. 3)Fare spesso dei controlli per scongiurare malattie. I test sono costosi ma necessari e vanno sempre richiesti al donatore che deve essere perfettamente sano. 4)Scegliere con cura il donatore, perchè si instaura un legame profondo e spesso per la vita! 5)Adorare i Donors. Sono considerate persone uniche e speciali per il grande gesto di offrirsi al prossimo.

Non si tratta solo di una moda “fai da te” perchè esistono anche dei locali in particolare nel nord Italia che li accolgono. Locali notturni dunque ( i vampiri temono la luce del sole) che, dopo una certa ora, servono drink particolari. Il motivo sembra essere voglia di potere, vigore, forza e magari ottenere l’immortalità. Qualche tempo fa una denuncia del GRIS (gruppo di ricerca sulle sette) e di Giuseppe Bisetto, uno dei responsabili, portò alla luce una scoperta sconcertante. Un locale a Venezia iniziava i ragazzi a questa nuova tendenza, servendo ai giovani elisir di lunga vita a base di sangue. Locale che, per fortuna, durò poco. Ecco cosa ha dichiarato Bisetto:” Quei ragazzi hanno confessato di aver partecipato a un rito del genere in un locale notturno del veneziano. Noi abbiamo segnalato ogni cosa alle autorità e adesso quel locale è chiuso da tempo. Il titolare, noto per essere un tipo stravagante, avvicinava i giovani clienti che riteneva più malleabili e li inoltrava al vampirismo. La prova cruciale era bere, dai dei comuni bicchierini di caffè, il suo sangue. In questo modo legava i suoi adepti, convinti di aver assimilato ogni suo potere, di riuscire così a ottenere i suoi soldi e il suo successo solo bevendo quel sangue. Di fronte a casi come questo è inutile parlare dei pericoli che si corrono a venire a contatto con il sangue altrui, delle malattie che si possono prendere, dell’Aids. Purtroppo questo è un fenomeno in ascesa”. Purtroppo è una moda che sta prendendo piede oltre che nel mondo anche nel nostro paese. Ma come scovare un potenziale vampiro? Non esiste a quanto pare l’identikit del nuovo Dracula moderno però si tratta in maggioranza di giovani, in cerca di emozioni magari stanchi della vita ed emarginati che cercano di fuggire dal quotidiano, a caccia di nuove sensazioni.

La moda del vampirismo nel mondo:

bevanda_sangue_cina (1)
In Cina nascono i Blood Energy Potion; sacche di sangue che possono essere ordinate anche online. Esiste addirittura un ristorante che serve bevande sotto forma di sacca di sangue, a Benxi, nella provincia di Liaoning. I camerieri di questo locale sono vestiti a tema da medici e infermieri, le bevande sono disponibili sotto forma di sacche di sangue di plastica incise con diversi tipi di gruppi sanguigni, con tanto di bare che adornano le pareti e musica di sottofondo stile vampiro. Un vero Tocco di classe! Le bevande comuni, sono tinte di rosso e poste nelle sacche prima di essere servite ai clienti. Ed infine la “B-type blood energy potion” ossia un’altra popolare bevanda che può essere acquistata online sempre dai nostri amici cinesi che ne sanno sempre una più del diavolo. I suoi creatori hanno deciso di fare un passo avanti e rendere la bevanda il più possibile simile al sangue. Pubblicizzato come la “prima bevanda sostituta del sangue del mondo”, l’intruglio rosso apparentemente “ha la stessa consistenza, il colore e le sostanze contenute nel sangue, ma non ne ha il sapore”.

vampire_dairies
Secondo i medici i rischi del bere sangue umano sono innumerevoli, il più pericoloso l’AIDS. Questa nuova tendenza preoccupa in particolare gli psicologi. Sempre più frequentemente si trovano gruppi di “donatori” e “bevitori” pericolosi, disposti a pagare una fortuna pur di essere inclusi nel giro. E’ un privilegio essere scelti come donatori e lo è di più ricevere in dono il sangue direttamente dalle volontarie vittime in questione. Secondo gli psicologi, sarebbe opportuno organizzare delle campagne di informazione per i giovani. Una sorta di “anti Twilight” per far comprendere quanto sia pericoloso, che questa pratica sia sbagliata ed immorale. Complici le saghe televisive di “un vampiro per amico”, complici le innumerevoli collane di libri e storie qui però non si tratta di un macabro horror ma della vita reale quindi fate attenzione, la vita è una e non vale la pena rischiare per emulare una moda pericolosa.

22222
Letizia Di Pietro

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker