fbpx
LifeStyleMusica

Alvaro Soler, Baby k e il Cantiere Rodolico

Per il video del nuovo brano “Non dire una parola”, Alvaro Soler e Baby K hanno scelto Acitrezza.

Due giorni fa il primo indizio. Una foto pubblicata dal cantante spagnolo Alvaro Soler sul suo profilo Instagram annunciava l’uscita del nuovo brano. Sullo sfondo l’inconfondibile Faraglione di Acitrezza. Ma ai “trezzoti” non sono sfuggiti altri dettagli. La seconda foto infatti immortala il signor Gianni Rodolico, uno degli ultimi maestri d’ascia in grado di costruire a mano le tipiche barche in legno (presenti anche in foto). Ben cinque generazioni di maestri d’ascia in grado di costruire imbarcazioni anche di 90/100 tonnellate. Niente tecnologia, niente computer. Solo un sapiente lavoro manuale, artigianale al cento per cento. In foto Gianni Rodolico viene ripreso insieme al suo bellissimo cane Blasko.

La nuova canzone “Non dire una parola” dal ritmo latino è uscita inaspettatamente con l’arrivo dell’autunno. Cosa inaspettata proprio perché Alvaro Soler e Baby K sembrano prediligere la stagione estiva per l’uscita dei loro brani.

Il cantiere navale della famiglia Rodolico è in primo piano nel nuovo video musicale di Alvaro Soler e Baby K. Un luogo storico proprio dentro il porticciolo di Acitrezza, un luogo storico citato persino nel capolavoro verghiano. Il padre di Gianni Rodolico, Salvatoree Martino Rodolico, noto in paese come lo Zio Turi, è stato persino dicharato tesoro umano vivente dall’Unesco, cioè patrimonio immateriale dell’umanità insieme alle sue barche trezzote.

Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button