fbpx
NeraPrimo Piano

Una rissa con bottiglie e il cliente di una prostituta picchiato. È il venerdì notte a Catania

Una rissa con bottiglie di vetro e il cliente di una prostituta picchiato da un branco

Una rissa con bottiglie di vetro e il cliente di una prostituta picchiato da un branco

È l’1.15 della notte del venerdi che precede la Santa Pasqua che a Catania si consuma in violenza. E se nessuno si accorge di nulla – a parte i protagonisti delle vicende – il merito e di quegli “angeli della notte” che presidiano il territorio. La squadra volante e gli uomini della polizia che girano in borghese per la città.

I fatti – come nel caso del presunto stupro – accadono ancora una volta in piazza Europa caratterizzata da anfratti bui dove è facile celarsi all’ombra. È l’1.15, da lontano riflette la luce di due macchine della volante della polizia nella parte bassa di piazza Europa, subito dopo l’ingresso del parcheggio del borghetto, dove c’è l’ingresso del porto Rossi. Lì c’è una strada che costeggia il mare, completamente immersa nel buio, ma non in quel momento. C’è anche un’ambulanza. La polizia è intervenuta giusto in tempo per togliere dalle grinfie di un branco di giovani un uomo di 74 anni.

L’anziano signore ha appena consumato un rapporto con una prostituta all’interno della sua macchina ma qualcosa non va per il verso giusto. Fra i due inizia una colluttazione, questo è certo. L’uomo racconta alla polizia che la donna gli ha rubato del denaro e quando lui le chiede indietro i soldi questa gli da uno schiaffo. Comincia la colluttazione. Il 74 enne sferra un calcio nella pancia alla donna (non è dato capire se accidentalmente oppure no).

La prostituta scappa dall’automobile e cade a terra lamentando forti dolori all’addome. Alcuni giovani, richiamati dalle grida, si lanciano allora contro l’anziano e cominciano a picchiarlo. La ragazza nel frattempo si dilegua e la polizia giunge in tempo per fermare l’assalto al cliente della prostituta. L’anziano signore dopo essere stato soccorso racconterà la sua versione dei fatti dinnanzi ai giovani fermati che lo hanno colpito. Nessuna denuncia sporta, lui è un habitué di quella pratica, è per questa notte gli è andata male.

La rissa con bottiglie di vetro

Non passa neanche mezz’ora quando all’1.30 è in corso una rissa che coinvolge ben 20 persone nella bella e barocca via Crociferi al centro di Catania. Tempestivo ancora l’intervento della polizia che riesce ad evitare il peggio, quelle venti persone sono armate di bottiglie di vetro ma gli animi vengono prontamente sedati. Nessun ferito grave.

Non sono ancora le 2.30 e Catania trascorre così la prima parte di una notte illuminata dalla luna piena nel venerdì che precede pasqua.

Tags
Mostra di più

Fabiola Foti

36 anni, mamma di Adriano e Alessandro. Giornalista da 18 anni, può testimoniare il passaggio dell'informazione dal cartaceo al web e, in televisione, dall'analogico al digitale. Esperta in montaggio audio-video e in social, amante delle nuove tecnologie è convinta che il web, più che la fine dell'informazione come affermano i "giornalisti matusa", rappresenti una nuova frontiera da superare. Laureata in scienze giuridiche a Catania ha presentato una tesi in Diritto Ecclesiastico. Ha lavorato per: TRA, Rei Tv, Video Mediterraneo, TeleJonica, TirrenoSat, Giornale di Sicilia. Regista e conduttrice del format tv di approfondimento Viaggio Nella Realtà. Direttore di SudPress per due anni. Già responsabile Ufficio Stampa per Società degli Interporti Siciliani e Iterporti Italiani. Già responsabile Comunicazione e Social per due partiti. Attualmente addetto stampa del NurSind Catania, sindacato delle professioni infermieristiche. Fondatore della testata online L'Urlo.

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker