fbpx
GiudiziariaNews

Rinviato a giudizio l’accusato di aver ucciso davanti al Mama Sea

E’ stato rinviato a giudizio dal Gup Daniela Monaco Crea, Francesco Guardo, il 25enne accusato di aver ucciso il 34enne Carmelo Platania e travolto insieme a lui un amico al termine di una serata trascorsa nel locale “Mama Sea” di Aci Castello (CT), probabilmente a causa di una precedente lite, mentre i due ragazzi stavano attraversando le strisce pedonali.

L’orribile omicidio è avvenuto il 7 luglio dello scorso anno, giorno del compleanno di Platania. “Uno spettacolo raccapricciante” lo avevano definito alcuni testimoni che avevano raccontato di una pegeot 1.007 nera che volontariamente prendeva la mira per colpire i due giovani.  “L’auto quindi aggancia i due giovani sul cofano anteriore, che vengono trasportati quasi come fossero seduti – aveva raccontato il nostro testimone – poi uno di loro rovina a terra e la macchina ci sale sopra, sento ancora il rumore e ho in mente la visione della vettura che si rialza salendo sopra il corpo del ragazzo, l’altro giovane rimane ancora sospeso sul cofano.” Il secondo giovane verrà trascinato fino a dopo la Baia Verde.

Dopo poche ore l’auto verrà ritrovata incendiata nelle campagne di Nicolosi, forse con l’intento di cancellare le sue tracce. Guardo invece verrà fermato l’11 luglio, grazie ai filmati acquisiti dai Carabinieri.

19 giorni dopo l’incidente, il 26 luglio, Platania muore per insufficienza multiorgano.

Oggi il rinvio a giudizio. Le imputazioni per Guardo sono: omicidio, tentato omicidio, calunnia, danneggiamento seguito da incendio, simulazione di reato. Prima udienza dibattimento sarà il 10 ottobre davanti ai giudici della quarta sezione della corte di assise.

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano
Back to top button