fbpx
NewsPolitica

Si dell’Ars alla riforma del voto per i Comuni

Palermo – Sono stati approvati ieri dall’Assemblea regionale i ddl che danno inizio alla riforma per le elezioni comunali.

Cambia la soglia per i ballottaggi e il premio di maggioranza per le liste collegate. Non si andrà al turno successivo nel caso in cui uno dei candidati dovesse superare il 40% e non il 50% come previsto inizialmente. La coalizione vincente, inoltre , si aggiudicherà il 60% dei seggi.

Come contrappeso, la riforma modifica il quorum necessario per la mozione di sfiducia al sindaco: basterà il 60% dei consiglieri per mandare a casa il sindaco anziché i due terzi del consiglio comunale. Norma che però rimane valida per i comuni al di sotto dei 15mila abitanti.

Oggi il voto finale.

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button