fbpx
CronacheMafiaNews in evidenzaPalermo

Mafia: riciclaggio e trasferimento di beni, sospesa l’attività dell’avvocato Riccobene

Palermo – Riciclaggio e trasferimento fraudolento di beni con la complicità di un avvocato, un notaio, un direttore di banca che avrebbero favorito i costruttori mafiosi palermitani Vincenzo e Francesco Graziano, padre e figlio, cui i finanzieri del nucleo speciale di polizia valutaria hanno sequestrato beni per circa 2 milioni di euro su ordine del gip Fabrizio La Cascia, dopo le indagini della Dda palermitana.

Il Gip ha disposto il divieto di dimora nella provincia di Palermo per Vincenzo e Francesco Graziano, l’obbligo di dimora per Gaetano Giampino, pedina dei costruttori accusato di riciclaggio con l’aggravante di aver commesso i fatti al fine di agevolare l’attività dell’associazione mafiosa, e il divieto di esercitare la professione legale nei confronti di Nicolò Riccobene, avvocato palermitano, accusato di ”avere consapevolmente e fattivamente contribuito al sostegno ed al rafforzamento dell’associazione mafiosa”.

Ansa

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker