fbpx
Sanitá

Riapre la sala parto del Policlinico, attivati anche altri 100 posti letto Covid

Riapre la sala parto del Policlinico di Catania, inoltre, si attivano ben 100 posti letto per i malati Covid “ma c’è grande difficoltà a reperire Infermieri di terapia intensiva” afferma Fsi-Usae

“Dopo l’aumento di contagi registrato tra gli operatori sanitari operativi presso l’ostetricia/ginecologia/pronto ostetrico/sala parto del Policlinico di Catania, e la nostra richiesta di chiusura ottenuta il 6 ottobre scorso, è arrivata la decisione di aprire la sala parto del Policlinico di Catania”. Lo annuncia Calogero Coniglio segretario regionale e territoriale di Fsi-Usae, insieme ai componenti della segreteria Salvatore Bellia e Maurizio Cirignotta.

La Federazione Sindacati Indipendente ha chiesto: “la sanificazione e la bonifica dell’intera area interessata secondo quanto previsto dalla circolare n° 5443 del 22 febbraio 2020 del Ministero della Salute, e infine di sottoporre il personale ad obblighi di vigilanza e al tampone, nonché all’adozione di tutte le misure prescritte in caso di esposizione al contagio”. Attestata la negatività dei tamponi effettuati, quindi, la sala parto, del Policlinico di Catania, riapre. “Stamattina la direzione generale ci ha comunicato che è stata disposta la riattivazione”, annunciano, orgogliosi, i segretari.

“Urgente bisogno di infermieri”

“Il direttore ci ha comunicato-continuano- che ha però urgentemente bisogno di infermieri, quelli in dotazione non bastano”.  “L’azienda sta per attivare altri 100 posti letto Covid e sta facendo uno sforzo straordinario per reperire infermieri”. Al Policlinico, infatti, nelle due rianimazioni disponibili, sono 80 i pazienti ricoverati e parecchi gli intubati. Pertanto: “Dal 16 ottobre saranno accorpate le due unità operative di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale San Marco”.

G.G.

 

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker