fbpx
NeraPrimo Piano

Costringeva i dipendenti a restituire il 50% dello stipendio -VIDEO

Una 44enne catanese costringeva i propri dipendenti a restituirgli quasi il 50% dello stipendio. 

I Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Catania, coadiuvati da quelli della Stazione di Catania Piazza Verga, hanno così relegato la donna agli arresti domiciliari. Sulla 44enne pende l’accusa di estorsione aggravata commesso in danno dei propri dipendenti.

Le indagini effettuati dalle Forze dell’Ordine in questi mesi, hanno rilevato come la titolare di una società cooperativa che gestisce una struttura ricettiva per anziani, obbligasse i 16 dipendenti a restituire parte dello stipendio. La donna, inoltre, minacciava costantemente i lavoratori di licenziarli approfittando del loro stato di bisogno personale e familiare. Le condizioni lavorative dei dipendenti sfioravano lo sfruttamento: erano costretti ad orari di lavoro estenuanti senza ferie né riposi settimanali. 

Ad avviare le indagini una denuncia da parte di una delle vittime. Grazie alla collaborazione e alle dichiarazioni di quest’ultime è stato possibile accertare il modus operandi dell’imprenditrice, iniziato nel 2016 ed attualizzato fino ad oggi.  La donna, arrestata per il delitto di estorsione aggravata, risulta indagata, a piede libero, anche per il reato di caporalato.

E.G.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button