fbpx
PoliticaRegionali 2017

Regionali 2017: Nello Musumeci nuovo presidente della Sicilia

Mancano un centinaio di sezioni da scrutinare ma ormai è ufficiale: Nello Musumeci è presidente della Regione.

Musumeci batte Cancelleri di quasi 100 mila voti.

“Sarò il presidente di tutti i siciliani, di coloro i quali hanno ritenuto di sostenermi e di votarmi e anche di coloro i quali, legittimamente, hanno ritenuto di votare per altri o addirittura di non partecipare al voto”. Lo ha detto il neo presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, nella sede del suo comitato elettorale a Catania. “Dobbiamo combattere per la Sicilia e dimostrare cosa sappiamo fare”, ha anche detto Musumeci al telefono all’ex sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli, prima di recarsi nel suo comitato elettorale.

Amaro Cancelleri: “Non chiamerò il vincitore perché altrimenti avrei dovuto chiamare tutti quelli che hanno vinto” nelle liste che lo hanno sostenuto. Questa è una vittoria contaminata dagli impresentabili e dalla complicità dei media nazionali. Ed è contaminata da Nello Musumeeci che ha candidato gli impresentabili”

ORE 18:00

Dato definitivo su Enna: Il M5S si ferma al 41% mentre Musumeci al 33%.

Da un punto di vista regionale, sono state scrutinate 4066 sezioni su n. 5300. Ancora vantaggio di Musumeci con il 39,55. Segue Cancelleri al 34,83%

Ore 17:00

Nella gara a cinque per il successore di Crocetta, siamo arrivati allo scrutinio di 3290 sezioni su 5300 sezioni. Variano di pochissimo le percentuali che sono molto vicine agli exit poll. Musumeci è ancora avanti con un 39,32%, Cancelleri al 34,87%, Micari al 18,89%, Fava al 6,16% e La Rosa allo 0,75%. La situazione a Catania

Nel caso di una differenza di 20-25mila voti il M5S potrebbe chiedere il riconteggio.

Ore 16:00

Siamo arrivati al giro di boa. Metà delle sezioni sono state scrutinate e il risultato non varia. I dati delle 2610 su 5300 sezioni sono ormai noti. Musumeci è ancora avanti con un 38,866%, Cancelleri al 35,108%, Micari al 18,942%, Fava al 6,313% e La Rosa allo 0,771%.

Ore 15:00

Sono 2106 le sezioni scrutinate Il risultato non cambia: Musumeci si afferma al 38,5%, Cancelleri al 35,5%, Micari al 18,7%, Fava al 6,3% e La Rosa allo 0,7%

Ore 14:30

Sezioni scrutinate: 1847. Musumeci in vantaggio al 38,70% mentre Cancelleri lo segue con il 35,4%.Segue Micari con il 18,8% e Fava con il 6,17%. La Rosa fermo allo 0,7%

I VOTI LISTA PER LISTA

IL CASO CATANIA

Pochissime, solo 5 su 330 le sezioni catanesi scrutinate a causa della difficoltà di reperire 100 presidenti seggio improvvisamente ritirati per motivi ancora da chiarire. Il risultato a favore di Musumeci, dunque, potrebbe anche aumentare.

ORE 13.30

Sul sito della Regione ci sono attualmente 1416 sezioni scrutinate su 5300. Un ritmo “abbastanza imbarazzante”, commenta Enrico Mentana. Aumenta la forbice a favore di Nello Musumeci con il 39,17% delle preferenze contro il 35,17% di Cancelleri. Micari si ferma al 18,8%, Fava al 6,1% e La Rosa al 0,7%.

I voti sul territorio delineano una mappa omogenea che premia senza particolari differenze il centro-destra e che invece boccia categoricamente le coalizioni vicine al governo uscente. A Catania, roccaforte di Nello Musumeci, in netto vantaggio il leader del centro-destra siciliano.

LE LISTE NELLA PROVINCIA DI CATANIA

Ore 13:00

Su La7 li definiscono “i dati semidefinitivi”. Emblematico di quanto siano importanti questi dati parziali. Le previsioni di Acqua Group su una copertura campionaria del 60% prevedono ormai con certezza la vittoria di Nello Musumeci con il 39,8%, secondo Cancelleri con il 35,1%, Micari col 18,2%, Fava al 6,3%, La Rosa 0,6%.

ORE 12:30

I dati cominciano a consolidarsi e la settima previsione Piepoli per Rai conferma i dati reali delle prime 991 sezioni scrutinate. Su una copertura del 32%, il candidato del centro-destra Nello Musumeci sarebbe in testa con il 38% dei voti, con la coalizione a suo sostegno sul 37,1% (Fi 13%, Udc 6,9%). A seguire, l’esponente del M5S Giancarlo Cancelleri con il 36% (M5s al 28,8%). Fabrizio Micari fermo al 18%, con la coalizione che lo sostiene al 26,1% (Pd 11%; Sicilia Futura-Pdr-Psi 6,6%) Claudio Fava è al 7% e la sua lista, i Cento Passi per la Sicilia, al 7,1%.

La vittoria della Destra – commenta Lucia Annunziata su LA7- cambia i giochi. Il Patto del Nazareno non si può fare più. Il centro-destra in salsa rinnovata è ora molto più complesso. Avrà di fronte due partiti che dovranno stare sulla sponda dell’antisistema. Auguri”.

ORE 12:00

Il sondaggio di Acqua Group per il tg di La7 su una copertura campionaria del 37% segna una “tendenza definitiva a favore di Musumeci con il 38,9%, Cancelleri al 35,6%, Micari al 18,4%, Fava al 6,5%, e La Rosa al 0.6%”.

Nessuna novità: aumenta la forbice a favore di Nello Musumeci. Lo conferma la quinta proiezione Piepoli: su un campione del 27% (margine di errore del 3%), il candidato del centrodestra sale al 38%, Giancarlo Cancelleri si aggira sul 36,3%. Mentre Fabrizio Micari scende al 17,5%% e Claudio Fava al 7,5%.

ORE 11:00

Secondo la quinta proiezione su un campione del 22% il Movimento 5 Stelle sarebbe al 28%. Le liste che sostengono Nello Musumeci invece: FI 13%; FDI-Lega al 9%. Le liste che appoggiano Fabrizio Micari: Pd 11; Sicilia Futura-Pdr-Psi 8%. La lista di Claudio Fava, I cento Passi per la Sicilia viene data al 7%. Altre 24%.

ORE 10:00

“È una proiezione equilibrata. Sono 72 punti di campionamento rappresentativi di tutto il territorio siciliano. Fino a questo punto, e con le proiezioni siamo al 10%, la vittoria di Musumeci è territoriale e quindi è molto probabile”. Così il sondaggista Nicola Piepoli ai microfoni di Rai Radio 1 nello speciale dedicato alle Elezioni siciliane condotto dal direttore Gerardo Greco. La quarta proiezione Piepoli per la Rai – su una copertura del 18% – vede il candidato del centrodestra Nello Musumeci in testa con il 36% delle preferenze e la coalizione al 38,6%. Seguono l’esponente del M5S Giancarlo Cancelleri al 34% (27,2% la coalizione, Fabrizio Micari con il 19,5% (25,9%) e Claudio Fava che si conferma al 9% (7,3% la coalizione).

A dare i dati è l’Ansa che conferma le prime sensazioni: ad essere in vantaggio sarebbe il candidato del centrodestra Nello Musumeci. Anche secondo gli exit poll di La7 ci sarebbe un leggero vantaggio di Nello Musumeci sull’avversario pentastellato. Nuova proiezione della #MaratonaMentana che, con una copertura campionaria del 23% fissa Nello Musumeci al 37,9%, Cancelleri al 35,8%, Micari allo 18.9%, Fava al 6.7%, La Rosa allo 0.7%.

ORE 9:00

È testa a testa tra il candidato del centro-destra Nello Musumeci il Movimento Cinquestelle Giancarlo Cancelleri.Gli exit poll di ieri sera davano un testa a testa tra Musumeci e Cancelleri. L’inizio dello spoglio, a quanto pare, lo conferma. “Secondo i primi dati forniti dal Viminale, infatti, su un campione del 5%, Musumeci e Cancelleri sono al 34%. Micari al 21% e Fava al 9%”. I dati, resi noti dall’Ansa, in realtà non sarebbero ufficiali. Frutto di un qui pro quo con l’agenzia di stampa.

I POSSIBILI SCENARI E I COMMENTI: DAY AFTER

I NUMERI

Negativo il tasso di affluenza sia regionale, quanto provinciale che segnava la presenza alle urne di appena il 46% dei votanti. In totale, secondo il dato definitivo, si sono recati alle urne 2.179.474 elettori su 4.661.111, mentre cinque anni fa avevano votato 2.203.165 persone.
Solo tre province su nove hanno superato la percentuale del 2012: a Messina ha votato il 51,69% (51,24%), a Catania il 51,58% (51,09%) e a Palermo il 46,4 (46,28%).

AFFLUENZA REGIONALE

AFFLUENZA IN PROVINCIA DI CATANIA

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker