fbpx
Nera

Rapinò tabaccheria a mano armata, incastrato dai vestiti che indossava – VIDEO

Pistola in pugno aveva rapinato una tabaccheria di via Missori: i carabinieri lo incastrano grazie ai vestiti indossati.

Il 10 maggio scorso, il criminale, giunto a bordo di uno scooter condotto da un complice non ancora identificato, armato di pistola e con il volto travisato da passamontagna, fece irruzione nel bar tabaccheria di via Missori 53 dove, sotto la minaccia dell’arma, costrinse il titolare a consegnargli 2.000 euro in contanti per poi fuggire via a piedi.

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Catania Piazza Dante hanno dunque arrestato il 20enne catanese Orazio Vicino, già gravato da precedenti penali specifici ed in materia di stupefacenti, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale etneo su richiesta della locale Procura della Repubblica, in ordine al reato di rapina aggravata.

Grazie ad una profonda conoscenza dell’humus criminale operante sul territorio, gli investigatori di Piazza Dante, analizzando le immagini registrate dalle telecamere attive nella tabaccheria hanno orientato le indagini proprio nei confronti del 20enne catanese.

Difatti, fornendo al magistrato titolare del fascicolo validi indizi, i carabinieri hanno ottenuto un decreto di perquisizione concretizzatosi sia nell’abitazione del presunto reo che all’interno della cella del carcere di Ragusa, dove nel frattempo il malvivente era stato ristretto per altro reato pochi giorni dopo la commissione della rapina.

Perquisizioni che hanno consentito di rinvenire e sequestrare il giubbotto e la tuta utilizzati dal giovane malvivente per compiere il fatto reato.

E.F.

 

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button