fbpx
CronacheNews

Rapinano una donna all’uscita dell’ufficio postale, arrestati due pregiudicati

Nella giornata di ieri, personale dell’U.P.G.S.P., ha eseguito un’Ordinanza di Custodia Cautelare in carcere nei confronti dei pregiudicati STELLA Filippo (classe 1971) e MANITTA Ignazio (classe 83), pluripregiudicato, entrambi residenti nel rione San Cristoforo.

I due uomini, l’8 maggio scorso., avevano rapinato una donna, a cui avevano sottratto il denaro appena prelevato da un ufficio postale di Tremestieri Etneo.

L’anziana donna, accompagnata dalla figlia, si era recata presso l’Ufficio postale di Tremestieri Etneo dove aveva ritirato ben 2.300,00 euro. Riposta la somma nella borsa, era salita in auto, poggiando la borsa sulle gambe. Dopo aver percorso alcuni metri, entrava in azione Manitta Ignazio che era giunto a bordo di uno scooter; Stella, invece, stazionava di fianco a una Smart fungendo da “palo”. Il malfattore apriva la portiera dell’auto, afferrando la borsa, nonostante la strenua resistenza opposta dalla donna che arrivava a scendere dall’auto nel tentativo di trattenerla a se.

Vista la resistenza della donna, l’uomo non ha esitato a colpirla in pieno volto. Accaparratasi la borsa, Manitta fuggiva con lo scooter, mentre il complice lo seguiva sulla Smart.

I due rapinatori, però, non sapevano che pochi attimi prima, un Sovrintendente della Polizia di Stato, in servizio alle volanti, libero dal servizio, li aveva notati proprio nei pressi dell’ufficio postale di Tremestieri .Il poliziotto si era poi fermato distante da essi per continuare a seguirne le mosse, certo che i due erano lì per commettere qualche reato.

Quindi, dopo averli persi di vista per qualche istante, si era posto alla loro ricerca a bordo della propria autovettura, intercettandoli nuovamente in sosta in una strada periferica del comune di Pedara. I due stavano rovistando nella borsetta, ma alla vista del poliziotto sono fuggiti lasciandola a terra.

Il sottufficiale avviava immediatamente le sue indagini, che gli consentivano di individuare i due come gli autori della rapina commessa poco prima ai danni dell’anziana donna, inoltre, avendo rilevato la targa della Smart, presa a noleggio, risaliva a Stella come colui che l’aveva in uso.

Sulla scorta di tali risultanze, la Procura della Repubblica chiedeva ed otteneva dal G.I.P. l’emissione della misura cautelare, eseguita la scorsa notte. Peraltro Manitta si trovava già in carcere, perché arrestato giorni fa, sempre da personale delle Volanti, per furto in appartamento.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker