fbpx
GiudiziariaMultimediaNews

Rapina a Catania, aveva puntato un revolver alla testa della cassiera VIDEO

Era sfuggito alla cattura, il pregiudicato catanese Carmelo Musumeci classe 1995, tra gli autori della rapina al supermercato di via Delle Medaglie d’Oro che lo scorso 10 febbraio aveva fruttato a lui e al suo complice poco meno di 140 euro, ma gli uomini della Polizia di Stato che in quei momenti avevano individuato e arrestato l’altro complice minorenne, il 17enne S.Y. sono arrivati a lui.

La ricostruzione

Le indagini hanno preso spunto dalla rapina che i due hanno portato a segno ai danni di un supermercato che, come già detto, si trova in via Delle Medaglie d’Oro: momenti di panico alle 18.40 dello scorso martedì, quando i due giovani col volto travisato da cappellini e sciarpe, hanno fatto irruzione all’interno del negozio armati di un grosso revolver che non hanno esitato a puntare alle testa della terrorizzata cassiera, arraffando i soldi. Successivamente, sono fuggiti a bordo di uno scooter.

Il personale delle Volanti che era immediatamente intervenuto sul posto, nel visionare le immagini del sistema di video registrazione di cui è munito l’esercizio, ha riconosciuto lo scooter utilizzato dai rapinatori come quello a bordo del quale il più giovane dei due, il minore S.Y., era stato fermato qualche giorno prima, per un controllo. Gli agenti si sono recati subito presso l’abitazione del sospettato, dove sono stati trovati i capi di vestiario indossati durante la rapina.

Le indagini

Messo alle strette, il ragazzo, già pregiudicato per reati specifici ed altro, ha ammesso di aver commesso la rapina utilizzando un’arma giocattolo, di cui si era sbarazzato buttandola nell’immondizia. Non una parola sul complice.

Ma ai poliziotti la versione non è andata bene e a seguito di altre indagini, sono arrivati a individuarne il complice Carmelo Musumeci con precedenti per rapina. Raggiunto presso la sua abitazione, l’indagato è stato trovato ancora in possesso del vestiario che aveva indossato al momento della rapina, tra cui un cappuccio di lana con la vistosa scritta AMSTERDAM.

Di fronte all’evidenza dei fatti, anche Musumeci ha reso ampia confessione, aggiungendo di aver compiuto nell’ultimo mese, unitamente al minore suo complice, altre tre rapine ad esercizi commerciali, tra cui una in trasferta nel siracusano.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker