NewsPolitica

Rando incontra i sindaci dell’Hinterland: “Circuito di collaborazioni per affrontare le emergenze”

Creare una rete di collaborazioni e di scambio di idee ed iniziative che aiuti i comuni dell’hinterland etneo a sopperire alle mancanze economiche che stanno penalizzando gli enti locali. Questa l’innovativa idea di Santi Rando, sindaco di Tremestieri Etneo, insediato da poco più di un mese. “La situazione delle casse delle amministrazioni comunali – ha dichiarato il primo cittadino – è davvero drammatica e non è raro che manchino i fondi per realizzare opere anche di prima necessità o di risoluzione di emergenze richieste a gran voce dalla cittadinanza. Se per alcune istanze – prosegue Rando – è possibile, attraverso le opportune modalità, accedere a finanziamenti regionali ed europei, fattispecie che stiamo finalmente mettendo in atto, per alcuni temi più pratici è indispensabile ed oggi è anche più semplice creare una rete di contatti con i comuni limitrofi, potendo contare così sulle forze di tutti”.

Nel corso dell’ultima settimana Rando ha quindi incontrato diversi amministratori della zona, discutendo di rapporti di collaborazione e di condivisione di piani programmatici locali, come eventi o iniziative di paese, ottenendo riscontri positivi e ampia disponibilità.

Innanzitutto dal sindaco di Ragalna Salvatore Chisari, primo ad aver incontrato Rando. In seguito ad un confronto sulle problematiche concrete dei due enti, è stato siglato un protocollo d’intesa tra il Comune di Tremestieri Etneo e il Comune di Ragalna finalizzato all’integrazione dei servizi di Polizia Locale durante la stagione estiva.

Con l’assessore di Aci Bonaccorsi Salvo Tomarchio, giovanissimo amministratore del comune fiore all’occhiello della zona comunemente conosciuta come “paesi etnei” e membro del direttivo regionale dell’Anci Giovani si è discusso in maniera attiva dello status dei bilanci, concordando su alcune linee guida da adottare per promuovere iniziative comunali abbattendo i costi.

Sempre sulla collaborazione tra enti e sulla condivisione di idee e progetti per i paesi, Rando ha incontrato anche Marco Alosi, sindaco di Fiumefreddo, col quale si è discusso principalmente di sinergie afferenti la sicurezza urbana, tema caro ad entrambi i primi cittadini.

Santi Rando ha poi incontrato Roberto Barbagallo, sindaco di Acireale. “Grazie ad iniziative ad ampio respiro e che hanno riscosso largo riscontro tra la cittadinanza come ad esempio l’edizione 2015 di Vivaci – ha sottolineato Rando – Acireale continua ad essere la perla dello Jonio e ad attrarre visitatori da tutto il distretto, non possiamo quindi che prendere esempio”. Anche con il sindaco di Nicolosi Antonino Borzì, il confronto sul piano amministrativo è stato serrato: “Con il sindaco Borzì – ha concluso Rando – è stato semplice e interessante discutere di vivibilità: il suo è un paese che sotto questo profilo fa scuola, essendo segnatamente in estate meta fissa per frequentatori di tutto l’hinterland.

Il rapporto diretto con le attività e la cura dell’arredo urbano sono punti fissi, che sarà importante implementare da subito anche a Tremestieri”.

Il primo cittadino si riserva poi il diritto di proseguire in questa direzione, alla ricerca di una sinergia con gli amministratori della zona che possa dirsi completa: “#‎TremestieriVivibile‬, come abbiamo da sempre rimarcato, non si costruisce in laboratorio ma solo grazie alla collaborazione e all’aiuto di tutti. Meglio ancora se si tratta di amministratori, anche giovanissimi, che ci sono già riusciti. Un passo alla volta, faremo in modo che Tremestieri riacquisti il lustro e il fascino che un tempo le erano propri e che merita di riavere”.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.