fbpx
CronachePrimo Piano

Quattro fabbriche clandestine a Catania: beccati 12 lavoratori in nero

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania hanno controllato 7 imprese operanti nella produzione e commercializzazione di pedane in legno. Tra queste individuati 4 opifici clandestini che utilizzavano contraffatti marchi registrati ed in cui operavano 12 lavoratori in nero di cui 5 indebiti percettori di
reddito di cittadinanza.

Gli agenti hanno sequestrato circa 8000 pallet, numerosi cliché per l’illecita marchiatura a fuoco e macchinari per la produzione dei manufatti. In particolare, i Finanzieri della Compagnia di Catania hanno individuato numerose
imprese, una delle quali peraltro sconosciuta al Fisco, che producevano e commercializzavano pallet e bancali in legno utilizzati abitualmente per lo stoccaggio e la movimentazione delle merci.

Le pedane, però, riportavano illecitamente il marchio EPAL del Consorzio CONLEGNO, l’organizzazione che
raccoglie e tutela molte aziende del settore del legno e che impone determinate caratteristiche costruttive ai propri prodotti. L’utilizzo delle pedane sottoposte a sequestro, oltre che essere potenzialmente nocivo per la salute a causa possono rivelarsi anche molto pericolose per gli operatori che le maneggiano.

Degni di menzione sono gli ingegnosi cliché a fuoco artigianali rinvenuti. Erano alimentati in maniera improvvisata da bombole del gas modificate, aumentando così i rischi di incendio o esplosione presso le fabbriche clandestine.

L’intervento si è concluso con la denuncia a piede libero, alla competente Autorità Giudiziaria, di 4 soggetti per commercio di prodotti contraffatti, utilizzo di segni mendaci, ricettazione e reati ambientali.

E.G.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button