fbpx
CronachePrimo Piano

Punizioni “agatine”? I retroscena della festa

A finire nell’occhio del ciclone, pochi mesi addietro, è stata l’Associazione Sant’Agata Cattedrale. Fu “segnata” perché taluni dei suoi iscritti risultavano pregiudicati per droga e per mafia. Il Comitato per la legalità della festa di Sant’Agata ne chiese addirittura lo scioglimento per fare “tabula rasa”.

Il Presidente dell’Associazione Claudio Baturi, ex Capo Vara e figura carismatica della festa, tenta fino all’ultimo di tutelare l’associazione e il suo buon nome. Baturi, infatti, non ha mai digerito la sua improvvisa destituzione dal ruolo di Maestro del Fercolo. Ma rinnovati equilibri tra Chiesa e Comune non prendevano in considerazione la sua presenza.

Nuovi assetti e retroscena.

Prossimamente saranno nominati (o rinnovate) le cariche di Capo Vara e Presidente del Comitato per i festeggiamenti agatini. L’elezione avverrà entro l’anno e, come ogni elezione che si rispetti, la corsa alla nomina è all’ultimo sangue.

Se è quasi certo che l’attuale Capo del Fercolo Claudio Consoli sarà riconfermato nel suo ruolo in quanto pupillo di Monsignor Barbaro Scionti, parroco della Cattedrale, resta un’icognita la presidenza del Comitato. Questo ruolo sarà deciso dal Comune che indicherà anche i nuovi componenti. Certamente si cercherà l’accordo con la Curia, ma la parte da leone sul comitato l’avrà il Comune di Catania.
Baturi potrebbe aspirare ad una posizione, se non da presidente, almeno quale componente. Ma ormai lui è come fumo negli occhi per la Chiesa: non scorrerebbero buoni rapporti tra lui e Monsignor Scionti.

Quest’anno poi arriva quella che nel contesto agatino può essere interpretata come una pesante punizione inflitta. La gestione della piccola Candelora di Monsignor Ventimiglia non è più di competenza dell’Associazione Sant’Agata Cattedrale. La tradizione voleva che al di fuori dei giorni di processione questa sia portata dai devoti indicati dall’Associazione.

Le “felpe blu” spezzano la tradizione

Infrangendo la tradizione, si è deciso diversamente. Nella foto in evidenza sono presenti, con il lupetto bianco, gli storici portatori della candelora indicati dall’associazione presieduta da Baturi.
Per la prima uscita ufficiale del “lumino” (così chiamato per le sue dimensioni), erano presenti ‘le felpe blu’. Le quali  portano la candelora anche durante il 4 e 5 febbraio: sarebbero i portatori del Comune.

La prima uscita è stata domenica scorsa. La candelora ha fatto un breve giro per il centro, quindi si è diretta in piazza Duomo dove ad attenderla a mezzogiorno erano presenti il presidente del comitato Francesco Marano e il presidente onorario del Comitato Luigi Maina.

Imbronciato, lontano da sguardi indiscreti, c’era anche lui, Claudio Baturi.

Associazioni agatine e autocertificazione su fedina penale. Chi controllerà?

La posizione scomoda di Marano tra festeggiamenti agatini e InvestiaCatania

Sant’Agata. Le furberie della Chiesa a danno del Comune

Tags
Mostra di più

Fabiola Foti

36 anni, mamma di Adriano e Alessandro. Giornalista da 18 anni, può testimoniare il passaggio dell'informazione dal cartaceo al web e, in televisione, dall'analogico al digitale. Esperta in montaggio audio-video e in social, amante delle nuove tecnologie è convinta che il web, più che la fine dell'informazione come affermano i "giornalisti matusa", rappresenti una nuova frontiera da superare. Laureata in scienze giuridiche a Catania ha presentato una tesi in Diritto Ecclesiastico. Ha lavorato per: TRA, Rei Tv, Video Mediterraneo, TeleJonica, TirrenoSat, Giornale di Sicilia. Regista e conduttrice del format tv di approfondimento Viaggio Nella Realtà. Direttore di SudPress per due anni. Già responsabile Ufficio Stampa per Società degli Interporti Siciliani e Iterporti Italiani. Già responsabile Comunicazione e Social per due partiti. Attualmente addetto stampa del NurSind Catania, sindacato delle professioni infermieristiche. Fondatore della testata online L'Urlo.

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.