fbpx
Nera

Pugni contro la compagna che tiene in braccio il figlio, arrestato pregiudicato

Avrebbe picchiato la compagna, dopo il rifiuto di quest’ultima di dargli denaro per alcool e droga.

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale di Catania hanno arrestato  un pregiudicato catanese di 31 anni, poiché ritenuto responsabile di maltrattamenti contro familiari commessi in danno della convivente di dieci anni più giovane.

Due anni di violenze per la compagna.

Erano ormai due anni  che la donna viveva tra gli insulti e le violenze per mano del convivente, dominato dalla dipendenza dalla droga e dall’alcool. La situazione non era migliorata neanche dopo la nascita del figlio, otto mesi fa.

Ma l’ultimo episodio ha messo fine all’inferno della donna. Il 31enne, infatti, ha preteso dalla compagna del denaro per acquistare dell’alcool, ed al netto rifiuto espresso dalla stessa, anche per le precarie condizioni economiche del nucleo familiare, l’uomo l’ha inseguita fino in strada per picchiarla, non curante del fatto che la donna tenesse in braccio il loro bambino.

Grazie alle grida della donna, alcuni vicini di casa  hanno segnalato l’accaduto al 112, consentendo l’intervento sul posto di una pattuglia del radiomobile che è riuscita a bloccare ed ammanettare l’aggressore prima che potesse accanirsi ancor di più contro la vittima e mettere in pericolo l’integrità del bambino che, per fortuna, non ha subito alcuna lesione.

La donna, medicata dai sanitari del 118 intervenuti sul luogo, se l’è cavata con alcuni giorni di prognosi per delle lesioni al viso. L’arrestato, così come disposto dal magistrato di turno, è stato relegato agli arresti domiciliari nell’abitazione del genitori.

EG.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button