fbpx
NewsNews in evidenza

Pubbliservizi, Ontario su dichiarazioni Ugl: nessun supporto, solo attacchi

Silvio Ontario, amministratore unico della Pubbliservizi Spa, azienda al centro degli arresti avvenuti lo scorso lunedì in merirto ad alcuni appalti piloti che vedono anche l’arresto dell’ex presidente Adolfo Messina, risponde all’affondo dell’Ugl di Catania.

«È davvero paradossale che in una situazione come la corrente, con gli arresti che lunedì hanno scosso dalle fondamenta la Pubbliservizi, evidenziando un passato recente da vergogna, e con una situazione finanziaria aziendale invero preoccupante, vi sia chi si ostina in attacchi immotivati e infondati alla mia persona, attacchi così virulenti da essere ovviamente al vaglio dei miei legali per eventuali azioni penali e risarcitorie.

Si sta facendo di tutto per dare una speranza ai lavoratori e per pagare con regolarità stipendi, straordinari e quant’altro. A giorni, tutti i dipendenti riceveranno il dovuto, anche le quattordicesime (queste in anticipo sui termini previsti dal contratto nazionale di categoria). E invece mi si rimprovera di aver iniziato i pagamenti appunto delle quattordicesime, con le esigue risorse di cui attualmente Pubbliservizi dispone, partendo dai dipendenti con il salario più basso (venerdì 7 luglio è partita la prima tranche, tra lunedì e martedì della settimana successiva, attesi i bonifici da parte della Città metropolitana, si completeranno tutti i pagamenti).

Con tristezza rilevo come, invece che supporto per quanto la nuova governance sta facendo per evitare il peggio, io debba subire siffatti attacchi del tutto pretestuosi: davvero inaccettabile. Per fortuna, la maggioranza del sindacato catanese sostiene con forza la nostra azione di radicale rinnovamento, sulla quale ci si potrà ancora confrontare a breve in una riunione con tutte le sigle (le convocazioni sono state inoltrate giorni fa).

Da ultimo, evidenzio soltanto come frasi quali “spartizione delle quattordicesime” e “abbandoni anche lui il cerchio magico” (con chiaro riferimento all’inchiesta che ha condotto in manette l’ex presidente della società), a me riferite in un comunicato ufficiale dell’Ugl catanese, oltre che sommamente irrispettose, possano configurare dei reati, dipingendomi come mai vorrei e potrei essere. Chiaro come abbia dovuto dare mandato a degli avvocati per valutare la possibilità di azioni penali e civili a tutela della mia onorabilità. Piuttosto, andrebbe chiesto all’autore dell’attacco dove si trovava il sindacato (ex?) nero e che cosa dichiarava alla stampa all’epoca della gestione Pubbliservizi di Adolfo Messina. Così, tanto per sapere».

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button