fbpx
CronacheNews

PS Cannizzaro – Il medico non opera e un uomo muore

Un altro di quei casi di decesso che, chissà, forse si sarebbe potuto evitare. Il signor Santo Milici è arrivato all’ospedale Cannizzaro con i suoi  piedi ma non è più uscito.

Lunedì 13 luglio alle 6 del mattino giunge in ospedale con un’ampia emorragia al viso. Nella notte ha sbattuto la testa contro lo stipite della finestra, i familiari, tra di loro c’è anche un medico, chiamano il 118. Quell’ambulanza però tarda troppo ad arrivare allora si decide di recarsi al pronto soccorso in macchina.

Una corsa contro il tempo, un’inutile fretta perchè all’ospedale non si interviene tempestivamente. Solo alle 10.00 il primo esame, una tac per constatare lo stato delle cose. Viene rilevata un’ampia area emorragica alla testa. Malgrado ciò nessuno agisce.

Alle 18 viene ripetuta la tac e registrato un peggioramento del quadro clinico, ma solo il giorno successivo, all’esito di una terza tac si ottiene di chiedere un intervento di neurochirurgica.

Richiesta negata il neurochirurgo di turno si rifiuta di intervenire, riferendo che non ci sono posti ne in neurochirurgia ne in rianimazione.

Nella notte tra mercoledì e giovedì il signor Milici decede. Muore per aver sbattuto la testa contro lo stipite della finestra dopo tre giorni e mezzo. Vigile e nella piena facoltà di agire si spegne ora dopo ora davanti ai suoi familiari consapevoli forse che il loro congiunto se ne sta andando in maniera ingiustificata.

E se invece l’uomo fosse stato subito sottoposto, al suo arrivo, alla tac? E se fosse stata operato chirurgicamente la mattina del suo arrivo? E se? Vallo a raccontare ai familiari di questa vittima del fato (?).

La moglie ha sporto denuncia contro i medici del Pronto Soccorso e nei confronti dei neurochirurghi intervenuti. Il difensore, l’avvocato Giuseppe Foti, ha chiesto di sottoporre la salma ad autopsia.

 

VEDI ANCHE

CEDE ASCENSORE ALL’OSPEDALE CANNIZZARO

P.S. ACIREALE: 2 MEDICI PER 300.000 UTENTI

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker