fbpx
MotoriSport

Prova di forza di Marquez a Indianapolis davanti a Lorenzo. Rossi Terzo

A Indianapolis, nel Midwest Americano, dove è di casa la velocità della 500 miglia, è di scena la MotoGP ed è Marc Marquez a prendere tutto con il giro veloce della pista, pole position e vittoria. Secondo sul podio un amareggiato Jorge Lorenzo, in testa per tutta la gara e sorpassato all’ultimo giro dal connazionale della Honda. Terzo uno straordinario Valentino Rossi autore dell’ennesima rimonta di stagione dall’ottava posizione e dopo una grande bagarre con Pedrosa che conclude quarto. Al quinto posto, come spesso accade,  l’ottimo Andrea Iannone e la sua Ducati.

Prova a riaprire il mondiale Marquez con la quinta vittoria consecutiva sul circuito statunitense. Lo spagnolo partito dalla pole position è superato alla prima curva da Lorenzo che fa l’andatura per tutta la corsa, ma si vede restituire il favore proprio sul più bello all’ultimo giro, quando il campione del mondo in carica sembra inserire una marcia sconosciuta a tutti e lascia di sasso Lorenzo, andando a tagliare il traguardo per primo. Marquez, ritrovato da tre gare il telaio del 2014, mostra di credere fortemente nella possibilità di riagguantare il mondiale. 58 punti che lo separano da Rossi capolista sembrerebbero un’impresa disperata, ma la matematica assolutamente non lo condanna e i risultati gli danno credito. Attenzione al Cabroncito!

Limita i danni Valentino Rossi dopo un weekend difficile nel quale tutto pareva andare storto e la messa a punto della sua Yamaha tardava ad arrivare. Ancora una volta il dottore sfoggia però una prestazione di gara eccellente emulando i  tempi degli spagnoli davanti, raggiungendo un ottimo Pedrosa e sorpassandolo con la solita classe. Lo spagnolo questa volta non ci sta e tiene testa al dottore mettendo le ruote della sua Honda davanti alla Yamaha M1 numero 46, usurata comunque dalla grande rimonta. Ma come è scritto ormai nei manuali di motociclismo, il vincente di un duello all’ultimo giro è sempre Valentino Rossi. Ancora una volta Pedrosa prende paga dal dottore, ma certamente Valentino deve tornare a vincere e a costruire meglio le prove per ottenere un posizione di partenza migliore. Il vantaggio da Lorenzo è di soli 9 punti e lo spagnolo sembra davvero agguerrito, con Marc Marquez carico, brillante e pronto a cogliere un passo falso.

Un amareggiato Lorenzo si mostra invece ai microfoni a fine gara, deluso di essere arrivato secondo nonostante avesse condotto una gara magistrale fino all’ultimo giro. Ma le sue prestazioni sono sempre ottime, la sua Yamaha è sempre calibrata perfettamente dalle prove del venerdì e come detto ha solo 9 punti di distacco da Rossi. Amareggiato ma anche soddisfatto per essere arrivato davanti al compagno di squadra quindi, che per ora, rimane l’avversario da battere.   

Certamente un mondiale così combattuto non si vedeva dal 2006 quando un fortunoso Nicky Hyden vinse con la Honda davanti a Valentino proprio all’ultima gara. Chiaramente questa volta tifiamo per un esito diverso. L’appuntamento con il motomondiale è per domenica 16 Agosto a Brno, Repubblica Ceca.

Tags
Mostra di più

Andrea Lorenzini

Laureato in Scienze della comunicazione, con magistrale in Editoria e Giornalismo e votazione di 110/110 e lode presso l'università di Roma Tor Vergata. Appassionato di sport (che pratico in grande quantità), esperto di motori, mi occupo di comunicazione ma la vera passione è la scrittura. Il giornalismo in particolare lo considero "la pietra miliare della democrazia: il cane da guardia del potere". Sono amante della lettura, della buona compagnia e del vino, rosso e di qualità è meglio. Sogno nel cassetto? Reporter inviato, di sport ovviamente.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker