fbpx
Economia

StMicroelectronics, fondi in arrivo per l’industria automobilistica

Catania avrà una linea pilota per la creazione di prototipi in carburo di silicio destinati all’industria automobilistica. La giunta Musumeci ha dato l’ok al progetto Reaction alla StMicroelectronics.

L’intesa vede coinvolti il ministero dello Sviluppo economico e le Regioni Lombardia, Emilia Romagna e Sicilia. Circa 23 milioni – tra fondi pubblici e privati – saranno destinati alle attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale proposte dalla StM, congiuntamente alla società Lpe e al Consorzio nazionale interuniversitario per la nanoelettronica.

«Con questo accordo – dice il presidente della Regione, Nello Musumeci – sosteniamo in Sicilia la ricerca sul carburo di silicio. Si tratta di un importante processo di innovazione che nel mondo è già una tendenza consolidata e che potrà avere un impatto significativo sulla competitività dell’apparato produttivo, sulla salvaguardia e l’aumento dell’occupazione nell’isola».

L’idea è quella di rimpiazzare in pochi anni il silicio con carburo di silicio nelle componenti relative alle macchine elettriche.

Il carburo di silicio può immagazzinare dieci volte più energia del silicio, ha il doppio della sua conduttività elettrica e quattro volte della conducibilità termica. Innovazioni che possono portare a una riduzione dei costi e quindi maggiori possibilità di mercato.

«Abbiamo deciso – aggiunge l’assessore alle Attività produttive, Mimmo Turano – di sostenere il progetto di StMicroelectronics, una società che ha costruito il suo primato in Sicilia. Nei suoi laboratori a Catania, infatti, è già riuscita a internalizzare la prima fase di produzione, quella più delicata, ma soprattutto è la protagonista del più grande investimento industriale nell’alta tecnologia del Sud d’Italia e tra i più importanti a livello europeo. Il programma “Reaction” – conclude – è una grande scommessa di sviluppo e innovazione, ma rappresenta anche un modo concreto per cambiare il segno dello storytelling sulla Sicilia, una terra che ha tutte le carte in regola per emergere e decisamente pronta a costruire il futuro».

DS

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button