fbpx
Cronache

Ipab di Acireale: dipendenti ancora sul tetto

Quattro dipendenti hanno trascorso 5 notti sul tetto della struttura

C’era da prevedere che la protesta dei dipendenti dell’Ipab (istituzione pubblica di assistenza e beneficenza) “Oasi Cristo re” di Acireale non si sarebbe fermata.

Dopo aver organizzato un sit-in su via Lorenzo Maddem (sede della struttura), i dipendenti dell’istituto sono tornati a protestare per la drammatica situazione che stanno vivendo, salendo sul tetto della struttura e costringendo le forze dell’ordine ad interdire nuovamente la strada al traffico veicolare.

«Ci sono quattro colleghe che da cinque notti sono sul tetto della struttura» ci dice Giuseppina Laudani, assistente sociale dell’istituto «nessuno fa nulla, siamo stati del tutto abbandonati dall’amministrazione regionale che, tagliando i fondi e non provvedendo a fare una legge di riforma, ci ha lasciato in questa situazione».

Ed è in effetti drammatica la situazione dei circa cinquanta dipendenti dell’ipab che malgrado non percepiscano lo stipendio da circa  trentasei mensilità continuano a lavorare ininterrottamente, sotto il controllo della regione (che però non li retribuisce) garantendo cure e servizi ai settanta ospiti della struttura: anziani, disabili, minori stranieri non accompagnati.

«il sindaco conosce benissimo la nostra situazione e ci ha promesso un incontro con il prefetto per organizzare un tavolo tecnico e discutere della questione di questa e delle altre ipab regionali, perchè non si può continuare a lavorare ogni giorno senza percepire lo stipendio» conclude la signora Laudani.

In Sicilia si contano circa 140 strutture, tutte nelle stesse condizioni; alla vigilia della tornata elettorale del 5 Novembre in cui sarà eletta una nuova amministrazione regionale quella di padri e madri di famiglia che lavorano senza poter mantenere i propri figli sembrerebbe una delle prime criticità da affrontare, forse prima ancora di spendere denaro per stampare manifesti e volantini per le campagne elettorali.

 

 

 

Tags
Mostra di più

Potrebbe interessarti anche

Back to top button

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.