NeraPrimo Piano

Traffico di essere umani, prostituzione e riti voodoo: arrestata banda di nigeriani

Traffico di esseri umani, prostituzione e riti voodoo:  sono queste le tre parole chiavi che hanno portato all’arresto di cinque cittadini nigeriani, tra cui tre donne. I soggetti sono stati arrestati dalla squadra mobile di Catania, su delega della Direzione Distrettuale Antimafia, con l’accusa di avere gestito una tratta di esseri umani tra il loro paese la Libia e l’Italia. Pare, inoltre, che tra i clandestini trasportati a bordo dei barconi molti fossero donne e minorenni.

Sono finiti in manette Ehimwenma ‘Christ’ Osagie, di 36 anni, le sorelle Naomi e Susam Ikponwmasa,  di 39 e 34 anni, Loveth Omoregbe, di 28, e Lawrence Ogbama, quest’ultimo bloccato a Roma.  Sui cinque pende l’accusa di tratta di persone pluriaggravata, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e sfruttamento della prostituzione.

L’indagine ha visto la luce grazie alle dichiarazioni di ragazzina nigeriana, minorenne, reclutata nel suo Paese e costretta a venire in Italia ad opera dei trafficanti, i quali erano vicini alle sorelle Ikponwmasa, residenti in Italia già da tempo. Una delle due sorelle, Naomi aveva già scontato una condanna sempre per le stesse accuse. Le donne, infatti, con la minaccia di praticare riti voodoo obbligavano le giovani a prostituirsi.

Grazie alle testimonianze delle vittime è stato possibile individuare i membri dell’organizzazione criminali: le ragazze si trovano al momento in  comunità protette.

E.G.

Tags
Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Identificato

Considera la possibilità di aiutarci disattivando il tuo Adblock. Grazie.