fbpx
CronachePrimo Piano

Proiettile in busta a Claudio Fava. “Continueremo il nostro lavoro”

Una busta con dentro un proiettile è stata recapitata all’Ars al presidente della commissione Antimafia, Claudio Fava.

La busta, arrivata insieme ad altra posta, sembra sia stata aperta dai collaboratori di Fava. Avvertita immediatamente la DIGOS, gli agenti hanno proceduto con il sequestro.

Nessun commento da parte dello stesso Fava che ha solo dichiarato: “Continueremo con il nostro lavoro”.

Le manifestazioni di solidarietà

Tantissime invece le parole di solidarietà verso il deputato.

“Esprimo massima solidarietà, anche a nome dell’intero Parlamento siciliano, all’onorevole Fava vittima dell’ennesimo preoccupante episodio intimidatorio, che rivela un clima di odio che va condannato. Siamo certi che Fava proseguirà nel suo impegno politico di denuncia e per l’affermazione della legalità, senza lasciarsi turbare da questo vile episodio”, ha dichiarato Miccichè .

“Al presidente Fava – aggiunge il presidente della Regione Nello Musumeci – va la convinta solidarietà e la vicinanza del governo regionale. Episodi di intimidazione grave come questo vanno condannati, senza tentennamenti. Evidentemente c’è ancora chi pensa che con le minacce si possa cambiare il corso delle cose”.

“Siamo solidali con il presidente della commissione parlamentare antimafia dell’Assemblea regionale siciliana, Claudio Fava, per l’ennesima vile minaccia ricevuta e non possiamo che essergli vicini nel suo impegno volto a cercare, chiedere e pretendere trasparenza e legalità, sia fuori che dentro le istituzioni, senza alcun distinguo. Il vile gesto, che condanniamo, è il segnale della vitalità di una mentalità criminale che va ancora ulteriormente contrastata, con l’aiuto e l’impegno di tanti siciliani che non vogliono abbassare la testa”, afferma Giovanni Musumeci, segretario generale territoriale della Ugl di Catania, a nome di tutta l’organizzazione sindacale.

Messaggi di solidarietà sono stati inviati anche dall’Unci, dai gruppi Fi, Pd, M5S, FDI e da Articolo 1.

DS

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button