fbpx
CronachePrimo Piano

Previste 4 ore di sciopero AMT a Catania

Oggi, i dipendenti dell’AMT Catania saranno protagonisti di uno sciopero di ben quattro ore.

«Riteniamo doveroso nell’interesse dell’Azienda, dei suoi lavoratori e della Città di Catania – dichiara Romualdo Moschella segretario regionale del Sindacato Faisa Cisal – confermare per il prossimo lunedì 1 Ottobre lo sciopero di 4 ore dei dipendenti dell’Azienda Metropolitana Trasporti di Catania da noi indetto. In questo senso lo sciopero interesserà dalle ore 12,00 alle ore 16,00 il personale di movimento mentre il restante personale anticiperà la propria smonta di due ore sul normale orario di lavoro».

«Pur scusandoci con l’utenza e con la città – aggiunge – siamo costretti a confermare la nostra protesta, oltre che per tutelare AMT Catania ed i suoi lavoratori, anche nell’interesse dei cittadini/utenti ad avere certezza sul mantenimento di un servizio essenziale quale è quello del trasporto pubblico locale nel caso in cui il dichiarato dissesto del Comune di Catania da parte della Corte dei Conti non venga evitato».

«Il problema di AMT, infatti, non è quello legato alla nomina di un nuovo e diverso CdA, come frettolosamente e semplicisticamente si vorrebbe fare intendere, – prosegue l’esponente di Faisa Cisal – ma comprendere quale strategia, quale politica e quali azioni l’amministrazione Pogliese intende assumere nel campo del trasporto pubblico locale considerati gli ingenti tagli di risorse imposti al settore dal Governo Regionale e la “spada di Damocle” che pende su AMT Catania S.p.A. in caso di dissesto dell’Ente proprietario in considerazione degli ingenti crediti vantati nei confronti dello stesso».

«Su questi temi da noi posti all’attenzione in ben due incontri, il primo con il vice sindaco Bonaccorsi in Comune e il secondo con i dirigenti comunali in Prefettura, ad oggi, registriamo un “assordante” silenzio da parte dell’Amministrazione Comunale che conferma tutti i timori e tutti i dubbi che ci hanno indotto da prima a proclamare lo sciopero e adesso a confermarlo», continua Moschella.

«AMT Catania nell’ultimo anno ha fatto registrare risultati importantissimi e significativi, ovvero utili di gestione, aumento della produzione, acquisto di nuove vetture, definizione di accordi applicativi del CCNL di categoria, ecco perché adesso, pur comprendendo la difficoltà del momento, non possiamo permettere che tutto questo venga vanificato».

«Al Comune non chiediamo di sbloccare ad AMT all’ultimo momento le risorse, fra l’altro dovute, per pagare stipendi e impegni improrogabili ma di garantire il rispetto del contratto di servizio esistente la possibilità di programmazione dell’azione industriale e, oggi più che mai, di confrontarsi nell’interesse dell’Azienda, dei lavoratori e della Città», conclude il segretario.

EG.

Mostra di più

Redazione

Quotidiano on-line siciliano

Potrebbe interessarti anche

Back to top button